Katy, da Andacollo a Manzano Amargo alla scoperta delle cascate tra le nevi del nord di Neuquén: “Vieni a vederla”

Katy nella cascata Escondida di Manzano Amargo, nel nord di Neuquén e i suoi magici colori autunnali. Foto: Martín Muñoz.

A nord di Neuquén c’è un gioiello che vale la pena scoprire. Si chiama Manzano Amargo e lo è 528 km e circa sette ore di macchina del capoluogo di provincia. Molti ci vanno in estate, quando le acque di fusione si ritirano e danno vita a cose incredibili circuito a cascata entra tanta natura vergine dove l’unica routine è la sorpresa. Ma andate in autunno È anche magico. E se no, chiedi a Katy: il suo amico, il fotografo Martin Muñoz, l’ha invitata a fare un tour e lei ancora non riesce a credere a quello che ha visto.


Il nord di Neuquén non è più il segreto meglio custodito

Per lungo tempo la bellezza aspra e il calore della gente di quel nord di Neuquén fortunatamente isolato Come descrive così bene Don Isidro Belver, era uno dei segreti meglio custoditi della Patagonia. Non più. Qualche anno fa, non erano molti coloro che si meravigliavano del fiumi di scongelamento, lagune e le loro indimenticabili trotei condor che sorvolano imponenti, i mulattieri che avanzano a cavallo lungo sentieri e percorsi con le loro capre e pecore nel lungo viaggio verso le terre estive alla ricerca di pascoli per i loro animali. Nemmeno con il fumarole e geyser dove sgorgano sorgenti termali ad alta temperatura ai piedi del Vulcano Domuyole cascate in vista o nascoste, i ruscelli che si racchiudono tra alte pareti, gli orizzonti infiniti fino al cime innevates, le strade sterrate che portano alla catena montuosa fino ad arrivare tra montagne e colline, con il Cile dall’altra parte e Mendoza sopra.

La cascata nascosta. Foto: Martín Muñoz.

E se nelle ultime estati hanno viaggiato sempre più turisti, sono ancora molti a non sapere che anche l’autunno è una grande opportunità. Ad esempio, per vedere le cascate attraverso la neve, purché la neve non copra il sentiero e tu possa arrivarci. Se il freddo è estremo possono anche congelarsi, come è successo con La Fragua, doppio spettacolo e ricordo per tutta la vita.

Al belvedere della cascata La Fragua. Foto: Martín Muñoz.

Questo, andando in autunno, è ciò che ha appena fatto Kathari Nicloux, da cui è arrivata Andacollo, a 70 chilometri. Per questo devi prendere il Strada Provinciale 43, che è asfaltato fino a Las Ovejas, anche se gli 11 km che continuano fino al Mirador La Puntilla saranno asfaltati. Per ora, da Las Ovejas bisogna proseguire lungo la strada sterrata e verificare lo stato dei percorsi nel rapporto quotidiano della Direzione Stradale Provinciale di Neuquén o telefonare 0810-333-7882.

Circa 18 km, se si gira a destra lla 43 prosegue verso Varvarco attraversando il fiume Neuquén attraverso il ponte. Ma prima c’è una forchetta. Dove andare? Vorrei che tutti i dilemmi fossero così belli: entrambe le opzioni sono gloriose. Questo è il punto in cui il Strada Provinciale 54, se continui dritto lo sono 95 km dalle lagune di Los Cerrillosuno di quei viaggi che bisogna fare una volta nella vita, anche se è consigliato nel periodo estivo.

Oggi, verso la fine dell’autunno, con la passeggiata di Katy e le foto di Martín, percorreremo i primi 21 fino a Manzano Amargo. E da lì ancora circa 10 km con le tre cascate circondate dalla neve: La Forgia, la Ragazza, quella Nascosta. Lei lo racconta così.


«Ascolta l’acqua, guarda la neve, i colori dell’autunno»

Neve, cascata e autunno: il magico nord di Neuquén. Foto: Martín Muñoz.

Il racconto di Katy: «Ho potuto vedere le cascate di Manzano Amargo quest’autunno e ho avuto la fortuna di assistere al prima nevicata su di loro. La verità? È un lusso essere in questi posti“, stando molto vicino a ciascuno e ascoltando l’acqua cadere mentre guardi i colori autunnali sugli alberi”, dice.

Cartolina indimenticabile dell’autunno nel nord di Neuquén.

Di quella passeggiata ricorda ogni dettaglio: «La pace che provi stando lì mentre condividi un compagno o qualunque cosa sia ad un altro livello. Se ti piace la natura e cerchi relax, lo consiglio al 100%”, continua.


Al belvedere La Fragua. Foto: Martín Muñoz.

E lo aggiunge Tutto il nord di Neuquén nasconde meraviglie scoprire. Invitateli a visitarli: “Ti innamori di ognuno”.


Come arrivare a Manzano Amargo

Se prendiamo come riferimento Capitale di Neuquéndevi andare per il strada nazionale 22 a Zapalaunisciti al mitico strada nazionale 40 per Chos Malal (puoi caricare il carburante) e lì prendi lo spettacolo strada provinciale 43, passare per Andacollo (è possibile anche fare rifornimento), Villa Nahueve e Las Ovejas, dove finisce l’asfalto. Si prosegue lungo la strada sterrata e dopo circa 18 km, quando la 43 svolta a destra in direzione Varvarco, inizia anche la strada. spettacolare Route 54. Mancano altri 21 km a Manzano Amargo.

Circa 5 km dopo quel bivio si attraversa un ponte sopra un ruscello (un buon posto per scattare qualche foto del Vulcano Domuyo) e da lì si costeggia il fiume su un sentiero stretto tra muri e rocce, dove si trovano le condoreras. È così bello che ti verrà voglia di fermarti un attimo a contemplare il paesaggio in silenzio e sorprendendoti con il volo dei condor. È anche l’habitat di altri uccelli acquatici e montani. Questa sezione è uno dei luoghi preferiti dai pescatori durante la stagione.

In Troverai il melo amaro quattro dispense aperte, wifi, segnale cellulare e cabine.

Maggiori informazioni. Turismo Manzano Amargo: +54 9 2942 68-1061

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il tifoso che ha rubato la medaglia al giocatore del Bucaramanga chiede perdono
NEXT Mindlin e Sielecki annunciano il primo mega investimento per RIGI e aumenti delle tariffe