Aumentano le assenze e gli arrivi tardivi degli studenti nelle scuole di Camagüey

Nella provincia di Camagüey si registrano assenze e arrivi tardivi di bambini a scuola.

Ciò che la stampa ufficiale definisce “indisciplina” è in realtà legata ai blackout che interrompono il resto dei bambini e delle famiglie cubane, e a ciò che porta a questa situazione scolastica.

Un altro dei fattori determinanti che incidono sulla frequenza scolastica dei bambini e che la stampa castrista non menziona è la carenza di cibo nel Paese, motivo per cui molti genitori non mandano i propri figli, perché alcuni giorni non hanno cibo da offrire loro e non vogliono esporre i bambini ad andare a lezione con debolezza nel corpo.

Il servizio realizzato da Radio Camagüey, cerca di attribuire la responsabilità di questa situazione ai rappresentanti dei bambini, facendo sembrare che si tratti di “indisciplina sociale”, e tra coloro che menziona si riferisce anche a persone che cercano di guadagnarsi da vivere facendo vendite tramite conto proprio, ma senza autorizzazione legale.

“Allo stesso modo, si segnala che locali statali sono stati occupati illegalmente senza l’intervento delle entità colpite o della commissione incaricata di occuparsi di queste disobbedienze per ristabilire l’ordine”, afferma l’informazione di Castro.

Per quanto riguarda l’immondizia nelle strade della provincia, la stampa castrista non menziona la mancanza di camion per la raccolta dei rifiuti, ma cerca invece di ritenere i cubani responsabili di abbandonare i rifiuti in spazi “inappropriati”.

I cubani continuano a vivere in mezzo alla povertà e all’abbandono di un regime che non si preoccupa delle condizioni di vita della popolazione e che, nonostante le lamentele delle comunità, chiude un occhio sulla risoluzione dei problemi che colpiscono i cittadini.

POTREBBE INTERESSARTI: Denunciano le condizioni terribili nella sala da pranzo del pastorizzatore a Santiago de Cuba

Editoriale Cubani nel mondo


#Cuba

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV È morto Enrique Lacolla, figura indiscussa del giornalismo cordobese
NEXT Tappa finale della Vuelta a Antioquia 2024