Le cooperative hanno chiesto di continuare con l’esecuzione delle 123 case di Plaza Huincul

Il presidente di uno deis sei cooperative incaricate della costruzione di 123 case In Piazza Huincul Ha chiesto agli assessori di intervenire per sbloccare la situazione e portare avanti i lavori. Anche se il finanziamento iniziale sarebbe dovuto arrivare dallo Stato, l’anno scorso c’è stata una convenzione tra il comune della precedente amministrazione e cooperative per eseguirli. Il lavoro però è paralizzato.

Milton Gómez, è il presidente della cooperativa Trabajo, Unión y Fuerza Construcciones Limitada ed è stato colui che ha realizzato utilizzo della Banca popolare, nella sessione di questo martedì al Deliberativo Huinculense. L’oratore – che ha 15 minuti per esporre il suo problema – ha espresso preoccupazione perché il lavoro è paralizzato.

Gómez ha spiegato che dal 18 settembre dello scorso anno (poco dopo il suo insediamento) ha chiesto al sindaco Claudio Larraza un’udienza per parlare di le 18 case – su un totale di 123 – che la cooperativa da lui diretta si è occupata di costruire.

Ha detto che nel gennaio di quest’anno il lavoro era paralizzato e da allora non si hanno più notizie. “Abbiamo richiesto con una nota e con altri mezzi, ma non abbiamo avuto alcuna risposta”, ha chiarito.

La proposta specifica è quella di rivedere le informazioni sulle 123 Case. “Vogliamo che si rivedano i conti comunali, che si sappia dove sono i soldi per un avanzamento dei lavori del 20% e sono stati costruiti solo quattro stalli della nostra cooperativa”, ha riferito. In totale sono state costruite 12 bancarelle.

Ricorda che la costituzione delle sei cooperative è avvenuta perché ci sono stati tre bandi di gara e in tutte e tre le occasioni sono risultati nulli perché non c’erano offerenti. Gómez ha precisato che le imprese hanno preferito non partecipare perché il Il pagamento nazionale era di 120 giorni. La situazione è poi peggiorata perché la Nazione ha deciso di interrompere l’invio dei fondi per quei lavori che, come detto, non erano stati completati al 70%.

Il monotributista ha chiesto che quest’opera venga dichiarata di interesse comunale e che venga rigorosamente monitorata. Interrogato da alcuni consiglieri, riferisce che le cooperative hanno stipulato una convenzione con ADUS per la movimentazione del suolo per 18 case. «La nuova direzione ci ha detto che i lavori non erano stati appaltati e che era una bugia perché era stata deserta per tre volte. Le sei cooperative sono state create per non perdere i finanziamenti della Nazione”, ha osservato.

Le sei cooperative sorteggiarono per determinare quante case ciascuna avrebbe costruito. “Vogliamo che il Consiglio si attivi sulla questione, ma soprattutto che riveda i conti comunali, così da sapere dove sono i fondi”.

I consiglieri hanno ascoltato la presentazione e la presidenza ha indicato che i termini di questa proposta saranno trasmessi all’Esecutivo.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV “Escono con il loro secchio di melma”, Gallardo ai deputati che non vogliono legiferare sulla castrazione chimica
NEXT Scontro tra Esercito e EMC in Algeria, Cauca