La ciclista antioquiana Mónica Calderón ha imposto il suo dominio nella Tatacoa Race Origen a Huila

La ciclista antioquiana Mónica Calderón ha imposto il suo dominio nella Tatacoa Race Origen a Huila
La ciclista antioquiana Mónica Calderón ha imposto il suo dominio nella Tatacoa Race Origen a Huila

14:24

Gli atleti antioquiani continuano a far risaltare il nome del dipartimento in diverse competizioni in tutto il paese. Adesso il turno toccava al ciclista Mónica Calderón, 37 anni, dopo essere stata nuovamente incoronata campionessa della Tatacoa Race “Origen”effettuato nel dipartimento di Huila.

Dimostrando il suo buon livello e la sua attuale ottima condizione fisica, la donna del comune di Támesis, situato a sud-ovest di Antioquia, ha imposto il suo dominio nella categoria generale femminile con un tempo totale nelle due tappe di: 7:02:35 ore.

Potrebbe interessarti: Egan ha scalato 22 posizioni al Giro di Svizzera dopo la terza tappa vinta dal belga Nys

“Per me questa gara, più che un risultato, è un’esperienza di famiglia. Il percorso è stato diverso, ma ho sofferto molto. Una competizione molto dura, sia mentalmente che fisicamente, dove non ho mai abbassato la guardia. Vengo a questa gara per competere, ma soprattutto per divertirmi. Spero di tornare entro il 2025″, ha dichiarato l’atleta di Antioquia.

D’altra parte, Felipe Morales di Huila è stato il campione della categoria generale maschile e ha condiviso il podio dei migliori della competizione con l’atleta di Antioquia, aggiungendo 6:29:36 ore nel suo miglior tempo.

In questa terza edizione della Tatacoa Race, ha riunito 807 partecipanti in totaletra atleti professionisti, dilettanti e famiglie, distribuiti con 457 corridori nella categoria Corsa e 350 nella categoria Cross, essendo una delle competizioni più attese e importanti della regione.

La competizione in questa occasione è stata battezzata con la parola “Origin”, con l’obiettivo di riferirsi al format XCM o maratona per dilettanti e corridori professionisti, che ha trovato piena realizzazione, ricevendo un totale di 2.500 persone durante l’evento.

“Chiudiamo questa terza edizione con la soddisfazione di aver compiuto il nostro dovere. È stata una nuova opportunità per gli amanti del ciclismo alpinistico di godersi uno splendido paesaggio e sperimentare la magia del deserto per riconnettersi con le nostre radici”, ha affermato la co-fondatrice della gara, Diana Isabel Herrera.

Una carriera diversa

Quest’anno l’evento ha avuto un sapore speciale e basta Si è svolto sul lungomare di Villavieja, recentemente inaugurato, con l’idea di lanciarlo nel bel mezzo della gara.offrendo un nuovo spazio moderno per la popolazione locale e i visitatori.

“Questo successo riflette non solo lo sforzo di ciascuno dei soggetti coinvolti, ma anche il potenziale e la bellezza della regione del “Tatacoa come destinazione sportiva e turistica”ha concluso il cofondatore Herrera.

D’altra parte, Diana Isabel ha confermato di essere già in contatto con i suoi partner per iniziare a preparare l’idea della quarta edizione del Tatacoa Race che sarebbe per il 2025.

Questo evento sportivo e ufficiale per ciclisti professionisti e dilettanti ha visto la partecipazione anche di corridori provenienti da paesi come Spagna, Brasile, Perù, Argentina, Costa Rica e Repubblica Dominicana.

Potrebbe interessarti anche: Ufficiale: la BMX colombiana avrà cinque corridori a Parigi-2024: Mariana Pajón guida il roster

Il che indica che questa corsa ha acquisito rilevanza e prestigio nel mondo del ciclismo locale e internazionale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Quale azienda B fornisce servizi finanziari nei quartieri popolari?
NEXT Ecco come appare l’interno della USS George Washington, una delle più grandi portaerei nucleari del mondo