“A Santa Marta soffriamo per la decisione del Governo di congelare i dialoghi con l’ACSN”: Jennifer del Toro

“A Santa Marta soffriamo per la decisione del Governo di congelare i dialoghi con l’ACSN”: Jennifer del Toro
“A Santa Marta soffriamo per la decisione del Governo di congelare i dialoghi con l’ACSN”: Jennifer del Toro

Dopo il Consiglio di Sicurezza che si è svolto questo mercoledì a Santa Marta, l’Alto Consigliere per la Pace e il Post-Conflitto di Santa Marta, Jennifer del Toro, ha fatto riferimento alla situazione che si è verificata dalle prime ore di questo mercoledì nelle comunità del A est di Santa Marta, compresi i sentieri e i comuni della Sierra Nevada e del Troncal del Caribe.

La prima precisazione che fa il funzionario distrettuale è che quello avvenuto oggi (mercoledì) non è stato uno sciopero armato, come molti avrebbero potuto pensare basandosi su volantini circolati sui social network.

Tuttavia, il funzionario ha sottolineato che la protesta iniziata è “infiltrata da criminali”.

Appello al governo di Gustavo Petro

Del Toro ha spiegato che il distretto di Santa Marta si trova in una sorta di limbo, poiché non ha gli strumenti né i poteri per poter rappresentare il governo di Gustavo Petro nella sua politica di pace totale, che, in questo momento, le conversazioni sono congelate o sospese.

“L’Alto Commissario ha detto che il dialogo con l’ACSN è congelato. Rispettiamo questo status di questo dialogo, tuttavia, soffriamo per la generazione di aspettative da parte del governo nazionale secondo cui oggi riteniamo che si debba rispondere alla richiesta della comunità riguardo alla possibilità o meno di un processo di pace in questa parte del paese, ” ha spiegato Del Toro.

Per questo motivo, la funzionaria ha insistito nella sua richiesta al governo di “comunicare direttamente con queste comunità che ha attivato per 19 mesi e spiegare loro lo stato delle decisioni che prenderà”.

Nel frattempo, le comunità dell’Est mantengono la ferma decisione di continuare con i blocchi nel Tronco dei Caraibi finché il Governo Nazionale non si pronuncerà ed esprimerà quale sarà la sua posizione riguardo ad una possibilità di pace per la zona della Sierra Nevada.

Seguimiento.co ha appreso da fonti dell’amministrazione distrettuale che hanno partecipato al Posto di Comando Unificato che la posizione del Governo, a quanto pare, è quella di mantenere congelati questi possibili dialoghi e, al contrario, di intensificare le operazioni che porta avanti contro le forze armate gruppo, attraverso il quale sono già avvenute nelle ultime settimane importanti catture dei suoi leader.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-