Il Consiglio di Stato avanza nello studio sull’annullamento dell’elezione del direttore di Corporinoquia

Il Consiglio di Stato avanza nello studio sull’annullamento dell’elezione del direttore di Corporinoquia
Il Consiglio di Stato avanza nello studio sull’annullamento dell’elezione del direttore di Corporinoquia

Il Consiglio di Stato ha compiuto un passo importante nell’analisi della legalità dell’elezione del direttore generale della Corporazione Autonoma Regionale di Orinoquía (Corporinoquia), Doris Bernal Cárdenas, per il periodo 2024-2027. In una recente ordinanza, il magistrato relatore Omar Joaquín Barreto Suárez ha risolto le eccezioni presentate dall’imputato, ha stabilito il contenzioso e ha ordinato le prove chiave per procedere verso una sentenza anticipata.

La controversia ruota attorno a presunte irregolarità nel processo elettorale di Bernal Cárdenas, denunciate dal Controllo per la Trasparenza e il Merito nell’Elezione del Direttore di Corporinoquia e altri ricorrenti. Tra i punti da risolvere ci sono le possibili violazioni del processo di ricusazione, la modifica dell’ordine del giorno della sessione elettorale, la mancanza di pubblicità dei cambiamenti di calendario e la partecipazione dei rappresentanti delle comunità nere al Consiglio di amministrazione.

Nella sua ordinanza, il giudice Barreto Suárez ha negato le eccezioni di incapacità della domanda, di integrazione impropria dell’avversario e di mancanza di legittimazione ad agire nella causa passiva presentata dall’imputato, il che significa che il tribunale ha respinto gli argomenti presentati da una delle parti, in cui è stato affermato che la richiesta era inadeguata o non soddisfaceva i requisiti formali o sostanziali per essere trattata. Cioè, il giudice ha stabilito che la richiesta era idonea e poteva proseguire con il procedimento giudiziario.

Inoltre, ha avviato un procedimento che copre sei punti chiave, tra cui l’analisi di una possibile rielezione irregolare di Bernal Cárdenas e l’eventuale ignoranza del diritto di eleggere i membri del Consiglio di amministrazione che non hanno partecipato alla sessione elettorale .

Per quanto riguarda le prove, il Consiglio di Stato ha chiesto a Corporinoquia di inviare il contesto amministrativo dell’atto imputato, le certificazioni relative agli incarichi ricoperti da Bernal Cárdenas nell’entità e gli atti dei processi elettorali del 2019 e del 2022. Allo stesso modo, ha chiesto alla Procura Generale documenti relativi al follow-up del processo 2023.

L’ufficio ha negato il decreto testimoniale richiesto dalle parti, ritenendolo non necessario, e ha fissato un termine entro il quale le parti avrebbero dovuto presentare per iscritto le loro conclusioni prima di pronunciare la sentenza anticipata.


#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-