Per questi motivi la Colombia non ha partecipato al vertice di pace in Ucraina

Per questi motivi la Colombia non ha partecipato al vertice di pace in Ucraina
Per questi motivi la Colombia non ha partecipato al vertice di pace in Ucraina

Lo rende noto il Ministero degli Affari Esteri della Colombia in un comunicato i motivi per cui il Paese non ha aderito al vertice di pace in Ucraina tenutosi in Svizzerache cercava una possibile soluzione pacifica e negoziata alla guerra tra Russia e Kiev.

(Vedi: Avvertimento del leader chavista Diosdado Cabello al ministro degli Esteri Luis Gilberto Murillo)

Secondo il portafoglio, la decisione di non partecipare è stata presa dopo conoscere il testo della dichiarazione proposta e che non è stato raggiunto un consenso generale sul documento finaleprocedendo a non sottoscrivere, così come hanno fatto Cina, Messico e Brasile.

“Nonostante questa circostanza, Il Governo nazionale ribadisce la sua disponibilità a sostenere la soluzione negoziata che consenta di raggiungere quanto prima una pace duratura e offre la sua esperienza nell’affrontare le questioni umanitarie alle vittime di questo conflitto armato.“, hanno dichiarato.

(Leggi: Il Venezuela invita la Colombia a fungere da osservatore nelle prossime elezioni presidenziali)

Secondo il Ministero degli Esteri, la Colombia rientra negli scenari necessari per consentire una soluzione politica alla guerra e chiede il riconoscimento dei principi del diritto internazionale, della Carta delle Nazioni Unite, la necessità di garantire condizioni di sicurezza per tutti e il rispetto dei diritti umani per le popolazioni sia dell’Ucraina che della Russia.


CANCELLERIA

EFE

Allo stesso modo, hanno ribadito la necessità di evitare ulteriori impatti sulla sicurezza alimentare e sull’energia globale, settori che sono stati gravemente colpiti dalla guerra nei due lunghi anni che è in corso.

(Leggi tutto: Le conclusioni e le richieste del Vertice di pace ucraino svoltosi in Svizzera)

Inoltre, hanno menzionato questo motivo principale da evitare è l’uso delle armi nucleari in contesti di guerra latenticosì come l’espansione della guerra ad altre aree geografiche.

È urgente fermare le guerre che attualmente colpiscono il mondo, fermare l’omicidio di migliaia di persone e concentrare l’azione sui problemi urgenti che l’umanità deve affrontare, come la crisi climatica, la perdita di biodiversità, la povertà e la disuguaglianza, tra gli altri“, hanno aggiunto.


CANCELLERIA

Cancelleria

Tenendo conto che, sebbene la Colombia non abbia sottoscritto la dichiarazione del vertice di pace in Ucraina, il presidente Gustavo Petro Ha approfittato della visita in territorio svizzero per portare avanti alcune componenti della sua agenda internazionale.

(Vedi: Le dure condizioni di Putin per porre fine alla guerra in Ucraina)

Secondo l’entità, uno dei primi “risultati” è stata la Dichiarazione Congiunta dell’Associazione Bilaterale Svezia-Colombia, che in un incontro con il Primo Ministro di questo paese, Ulf Kristersson, Abbiamo cercato di avanzare sui temi della pace, della decarbonizzazione dell’economia e dell’azione per il climacelebrando anche 150 anni di relazioni diplomatiche.

Inoltre, lo hanno menzionato firmati cinque protocolli d’intesa in termini di mobilità sostenibile e intelligente; Cooperazione mineraria sostenibile e innovativa; Cooperazione nella tecnologia aerospaziale, intelligenza artificiale; connettività sicura e sicurezza informatica; e Cooperazione nell’applicazione della legge che includa gli standard sui diritti umani, l’uguaglianza di genere e il governo civile.

(Leggi anche: Conferenza di pace in Ucraina: allarmi e idee da ogni Paese per risolvere la guerra)


CANCELLERIA

EFE

Portafoglio ha confermato la creazione di una nuova Camera di Commercio Svedese-Colombiana per le Imprese Sostenibili volta a rafforzare i legami commerciali e sostenibili tra i due paesi, e la firma di un accordo di cooperazione tra Procolombia e Business Sweden.

(Vedi: ragioni di Petro per annullare la sua partecipazione alla Conferenza di pace ucraina)

Inoltre, i ministri degli Esteri di Colombia e Svezia si sono incontrati per valutare lo stato di avanzamento delle relazioni bilaterali che vengono elevate al livello di “partner strategico”, firmando il Memorandum d’Intesa di un meccanismo di consultazione politica, “rafforzare le relazioni amichevoli tra i due paesi e concordare di tenere incontri periodici su questioni bilaterali, regionali e multilaterali di reciproco interesse”.

D’altra parte, la first lady, Verónica Alcocer, ha incontrato il Fundación Ancla che visiterà la Colombia per rafforzare le infrastrutture educativeaderire a iniziative che migliorano l’accesso all’acqua potabile per le comunità vulnerabili e a programmi di formazione per le persone private della libertà e i detenuti.

(Leggi anche: L’Agenzia per l’energia atomica è preoccupata per l’esplosione vicino a un impianto in Ucraina)

Finalmente, Il Presidente ha incontrato il re Carlo XVI Gustavo di Svezia per discutere di pace e protezione dei bambini. “La Colombia sta guidando con la Svezia la prima Conferenza mondiale per porre fine alla violenza contro i bambini, che si svolgerà a Bogotà il 7 e 8 novembre”, hanno concluso.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-