Axel Kicillof firma un accordo con i sindaci e aggiunge un invito a La Rioja

Axel Kicillof firma un accordo con i sindaci e aggiunge un invito a La Rioja
Axel Kicillof firma un accordo con i sindaci e aggiunge un invito a La Rioja

Dopo aver incontrato due volte nella stessa giornata papa Francesco, il governatore Axel Kicillof riprende il suo programma di attività e in questa settimana di soli due giorni lavorativi farà base a La Plata con la firma degli accordi e il giuramento della bandiera. Inoltre, alla sua fitta agenda aggiunge l’invito a visitare un’altra provincia come La Rioja.

A partire da mezzogiorno, Il presidente riceverà nella sala accordi del governo 10 leader comunitari che firmeranno contratti di locazione per un totale di 3.973 milioni di dollari. È il programma “Linea Comunale 2024” di competenza del Banco Provincia. Viene utilizzato dai sindaci per acquistare macchinari, rinnovare mobili o realizzare lavori nei loro quartieri. Utilizzando il leasing come strumento, i leader aggiungono diversi tipi di finanziamento con percentuali e importi migliori.

Facciamo questo progetto collettivamente. Sostieni El Destape cliccando qui. Continuiamo a fare la storia.

ISCRIVITI ALLA SCOPERTA

I sindaci che firmeranno questo martedì lo saranno Jorge Ferraresi (Avellaneda), Gaston Granados (Ezeiza); Daniele Stadnik (Carlos Casares), Luis Pugnaloni (Hipolito Yrigoyen), Mayra Mendoza (Quilmes), José Luis Salomone (Saladillo), Fernando Rodríguez (Generale Pinto), Mariel Fernández (Buio), Arturo Rojas (Necochea), e Walter Wischnivetzky (Mar Chiquita).

Intanto, mercoledì mattina, glielo ha detto il governatore Axel Kicillof Presteranno giuramento gli alunni di diverse scuole della Repubblica dei Bambini di La Plata. Insieme al sindaco locale, Giulio Alake parte del suo gabinetto, il governatore svolgerà una nuova attività nella capitale Buenos Aires, città che il peronismo ha recuperato alle ultime elezioni.

La Pampa e La Rioja: le province con cui flirta Kicillof

C’è un invito per il mese prossimo (Luglio)”, hanno spiegato a Lo scoprimento dall’entourage del presidente in riferimento alla provincia governata da Ricardo Quintela della Rioja. Restano però da definire i dettagli: “Non si sono ancora parlati per chiudere“, hanno spiegato. Da questa parte, alle visite che Axel Kicillof a Chubut (governata da Macrista Ignacio Torres) e Santa Fe (sotto il mandato del radicale Maximiliano Pullaro) fece in aprile, si aggiungerebbero ora gli arrivi nelle province peroniste.

Un altro invito ricevuto al Palazzo del Governo fu quello di recarsi a La Pampa, oggi governata dal compagno Sergio Ziliotto. Il quadro istituzionale per la visita dei governatori presenta diversi aspetti, poiché diverse politiche hanno lavorato insieme.

Il 29 maggio, il Ministro dello Sviluppo Comunitario, Andrés “Cuervo” Larroque, si è incontrato con il suo omologo della Pampa, Diego Álvarezper analizzare l’attuazione di programmi di politica sociale come “il Servizio di Ristorazione Scolastica e il Modulo Straordinario per la Sovranità Alimentare di Buenos Aires“, e il “Rinforzo alimentare mirato straordinario e sistema Pilquen“nella provincia vicina.

Un altro degli accordi che le parti stanno valutando di firmare è il programma “Ponti” che è sotto l’orbita del Ministro del Governo, Carlos Bianco. Questo programma mira a garantire che le persone che vivono nell’interno di Buenos Aires possano accedere all’istruzione superiore senza lasciare i loro luoghi di origine. “A causa della vicinanza tra alcune località della Pampa e la provincia di Buenos Aires, vogliamo implementare il programma Puentes affinché possano studiare indipendentemente dalla geografia.”, precisano fonti governative.

Il Ministero della Salute di Buenos Aires, responsabile Nicola Kreplak, funziona anche insieme. I portafogli sanitari valutano “la firma di un accordo di mutua assistenza sanitaria”. La visita della delegazione di Buenos Aires potrebbe anche servire a discutere di questioni di sicurezza. A La Pampa analizzano e seguono da vicino il sistema di sorveglianza dei campi che il governo di Buenos Aires ha implementato attraverso l’acquisto di droni cinesi.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-