Giovedì la seduta plenaria del Senato discuterà della nuova quota di debito; la presentazione è stata appena archiviata

Giovedì la seduta plenaria del Senato discuterà della nuova quota di debito; la presentazione è stata appena archiviata
Giovedì la seduta plenaria del Senato discuterà della nuova quota di debito; la presentazione è stata appena archiviata

19/06/2024

Domani è previsto secondo dibattito sul progetto di espansione della quota di debito del governo Gustavo Petro, si terrà nella sessione plenaria del Senatodopo che la presentazione è stata depositata questo mercoledì pomeriggio.

Potrebbe interessarti: Forte appello del controllore al Governo riguardo ad un progetto di aumento della quota di debito

Nel documento si precisa che l’Esecutivo chiede di ampliare di 17.607 milioni di dollari la quota per realizzare operazioni di credito pubblico interno ed estero, per finanziare la Bilancio generale della Nazione.

Il progetto precisa che, a partire dal 24 febbraio di quest’anno, La quota di debito disponibile ammontava a 3.667 milioni di dollari. E chiarisce che il debito che il governo ha ottenuto durante la pandemia non è stato incluso nella quota del debito, quindi il suo pagamento e gli ammortamenti non liberano quota, quindi il governo sta spendendo molto per pagare il debito senza poter chiedere di più.

Durante l’emergenza economica dovuta alla pandemia, il Governo di Ivan Duque è ricorso a prestiti per 6.560 milioni di dollari.

Trova: “Penso che Colpensiones non sarà pronto tra un anno per attuare la riforma”: ex presidente di Colpensiones

Bisogna tenere conto del fatto che detta quota di debito è a rotazione, cioè quando si paga il capitale si può prendere nuovamente in prestito.

Quindi questo progetto risolve un grosso problema di finanziamento per il governo Ciò gli consente di garantire gran parte del budget di investimento senza cadere in default, almeno fino all’agosto 2026, quando finirà questo governo.

“È fondamentale che il governo nazionale disponga di una quota di debito prudente e sufficiente, al fine di ridurre il rischio di rifinanziamento a fronte di possibili chiusure dei mercati e/o del continuo aumento dei tassi di interesse a livello internazionale, nonché, promuovere progetti nel settore produttivo e altre finalità stabilite nel Piano di sviluppo nazionale”, si legge nel documento.

Tutti gli esperti consultati da questo giornale concordano sul necessità di aumentare la quota del debito, non come un favore al governo, ma come una cosa normale che la crescita della Nazione stessa richiedee che si è ripetuta in tutti i governi precedenti.

Tuttavia, ciò che attira l’attenzione è la richiesta di aiuto inviata dal governo, che ha insistito sul fatto che se la nuova quota di debito non fosse approvata, si andrebbe in default. Grandi parole, poiché la credibilità del Paese è data dal giudizio sul pagamento dei suoi debiti.

“Senza la legge sul debito, il Paese sarebbe condannato a non poter contare sulle entrate derivanti dal credito estero necessarie per continuare a coprire pienamente il servizio del debito estero. “Questa legge è fondamentale per il funzionamento dello Stato, ci troveremmo praticamente di fronte all’impossibilità di accedere al credito estero”, ha assicurato José Roberto Acosta, direttore del Credito Pubblico del Ministero delle Finanze.

E questa pressione gioca contro l’economia nazionale. Quando il presidente lanciò il primo avvertimento sulla possibilità di default, il dollaro salì di circa 200 dollari in un paio di giorni, e ora che Acosta fa quel commento, il dollaro il giorno successivo (a causa di una vacanza negli Stati Uniti) si mosse di 58,79 dollari, essendo un mercato minore.

Anche il nuovo controllore generale, Carlos Hernán Rodríguez, ha una lente d’ingrandimento su questo argomento: “Se si intende ampliarlo, sarà per il servizio del pagamento del debito, Non può essere per altre circostanze”.ha dichiarato.

Secondo Rodríguez, “il Ministero delle Finanze e il Governo Dovranno consegnare a tutti i supporti che fanno parte dell’approvazione del progetto e la destinazione specifica dell’espansione di quella quota di debito”.

Domani, 20 giugno, alla fine della legislatura, la seduta plenaria del Senato discuterà questo progetto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-