Gli esordi, un altro conto che Scaloni ha saldato con la vittoria dell’Argentina contro il Canada

L’Argentina ha affrontato giovedì, contro il Canada, la sfida di vincere all’esordio di una competizione di grande livello sotto la guida di Lionel Scaloni. E così è stato: è stato 2-0 per il primo appuntamento del Gruppo A della Copa América.

Il fatto è che la squadra non aveva mai potuto festeggiare nella prima partita del ciclo dell’allenatore di Pujato nei tornei continentali o nella Coppa del Mondo: aveva perso 2-0 contro la Colombia all’inizio della Copa América in Brasile 2019 e pareggiato 1-1 con il Cile nell’edizione 2021, anche in Brasile. La marcia verso il titolo in Qatar 2022 è iniziata in modo storto quando hanno perso 2-1 contro l’Arabia Saudita.

Certo, in tutti quei campionati ha saputo superare esordi tutt’altro che ideali, si è ripreso e ha concluso da grande protagonista. Nella Copa América 2019, la squadra è arrivata terza.

Nel 2021 è stato campione e in Qatar 2022 ha vinto la terza coppa del mondo.

Tale è il tema degli esordi erranti, che nell’anteprima della partita di ieri sera l’allenatore americano del Canada, Jesse Marsch, ha fatto riferimento a quel dato statistico: “Immagino che l’Argentina abbia imparato dall’errore commesso in Qatar contro l’Arabia Saudita, quindi” aspettatevi il meglio da loro.”

Un paragone tra l’esordio di ieri sera e quello fatidico ai Mondiali del Qatar è che entrambe le squadre erano vicine al 50esimo posto nel ranking Fifa al momento di affrontare l’Argentina: l’Arabia Saudita era 53esima nel novembre 2022 e il Canada è attualmente al 49esimo posto la scala a pioli. Una differenza: allora l’Argentina era terza, mentre attualmente è prima in classifica. La curiosità era che Argentina e Canada dovevano affrontarsi nel primo appuntamento della Copa América 2001, in Colombia.

Ma la situazione della sicurezza in quel paese indusse sia i canadesi che gli argentini a rinunciare a partecipare alla competizione.

Ed è chiaro che Scaloni prendeva atto che il debutto sarebbe stato difficile e che quei pessimi record delle prime andavano battuti. «Chi pensa che sia stato detto tutto sbaglia», aveva rimarcato nel convegno precedente. E tutto indica che il messaggio è arrivato, perché è stato un esordio trionfale a chiudere quell’incantesimo.

La sintesi televisiva della vittoria dell’Argentina sul Canada

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-