L’Argentina batte il Canada all’esordio della Copa América | Lionel Messi ha dato due assist ai gol dell’Argentino

L’Argentina batte il Canada all’esordio della Copa América | Lionel Messi ha dato due assist ai gol dell’Argentino
L’Argentina batte il Canada all’esordio della Copa América | Lionel Messi ha dato due assist ai gol dell’Argentino

Lionel Messi Ha segnato entrambi i gol in modo che l’Argentina abbia avuto un debutto di successo nella Coppa America che avrebbe dovuto avere davanti al Canada. I campioni del mondo hanno vinto 2 a 0 perché al 4′ del secondo tempo il capitano lascia uno contro uno Alexis Mac Allister che si scontra con il bravo portiere canadese Crepeau e manda la palla in Giuliano Alvarez che ha aperto il conto con un arco vuoto. E a due minuti dalla fine, Messi ha rilasciato ancora una volta la palla in tempo e forma Lautaro Martinez giocherà sotto l’avvio di Crepeau e chiuderà il conto della serata in uno stadio gremito di tifosi argentini ad Atlanta (Georgia).

Ma questa non è stata l’unica cosa che Messi ha fatto. Aveva due situazioni da gol molto chiare e non riusciva a definirle. In uno, ha eluso Crepeau con una finta e il grande Cornelius ha bloccato il suo tiro mentre tutti i tifosi cantavano il gol. E nell’altra è scappato, si è trovato faccia a faccia con il portiere, è stato colpito di poco e ha mancato di poco il palo destro. Se il capitano fosse stato bravo a concludere, l’Argentina avrebbe potuto anche segnare. Invece così non è stato, il punteggio si è chiuso sul 2 a 0 per il quale ha dovuto sudare fino all’ultimo per riuscirci.

Il meglio della Nazionale è avvenuto all’inizio e alla fine del secondo tempo. Innanzitutto, la chiave è stata la promozione di Mac Allister, che è andato a giocare al fianco di Messi per rifornire meglio Julián Alvarez e inoltre, è stato rilasciato senza palla per apparire vuoto nell’area dei canadesi. Più tardi, quando Otamendi è entrato al posto di Paredes per difendere con tre marcatori centrali, il centrocampista del Liverpool è diventato un centrocampista centrale proprio come nel suo club ed è stato ancora una volta fondamentale per far giocare bene la palla dal centro e fornire Messi e Lautaro che ha sostituito Julián Alvarez.

Nel mezzo, il Canada ha complicato l’Argentina. Lo aveva già fatto nel primo tempo, aspettando con tutti i suoi uomini dietro la palla e la difesa ridotta quasi a metà campo. Successivamente, ha continuato a farlo con un atteggiamento più aggressivo, soprattutto quando era fiorente Shaffelburg da Buchanan per correre a destra e la sua grande figura, Alfonso Davisha cominciato ad arrivare dall’altra parte per complicare la serata di Molina con le sue corse.

I canadesi non sono arrivati ​​tanto, ma “Dibu” Martínez aveva lavoro. E con alcuni movimenti netti e uscite da dietro, “Cuti” Romero ha confermato di vivere un momento splendido. Il Canada è stato un rivale scomodo che ha costretto l’Argentina a spingersi al limite per batterlo. E questo aggiunge valore una vittoria che è servita per iniziare la Copa América degli Stati Uniti con la massima fortuna. Dalla mano di Lionel Messi che, a cinque giorni dal compimento dei 37 anni, è ancora la migliore parola d’ordine per il successo.

2 ARGENTINA

E. Martinez

Molina

Rosmarino

l. Martinez

Acuna

Da Paolo

Muri

MacAllister

Messi

J. Alvarez

Di’ Maria

DT: Scaloni

0 CANADA

Crepeau

Johnstone

Bombito

Cornelio

Davies

Buchanan

Konè

Eustachio

Millar

larin

Davide

DT: Maarsch

Stadio; Atlanta, Georgia).

Arbitro: Jesús Valenzuela (Venezuela).

Obiettivi: 49m J.Alvarez (A); 88m L. Martinez (A).

I cambiamenti: 58m Shaffelburg di Buchanan (C), 66m Lo Celso di Di María (A), 75m L. Martínez di J. Alvarez (A) e Otamendi di Paredes (A), 79m Laryea di Larin (C), 85m Osorio di Koné ( C) e Russell Rowe per Millar (C) e 89m Montiel per Molina (A) e Tagliafico per Acuña (A).

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-