Nascite e morti: il danese fornisce i dati di aprile in Colombia | Occupazione | Economia

Questo venerdì, 21 giugno, sono stati diffusi i dati più recenti sulle nascite e sui decessi in Colombia, che terminano nel mese di aprile, in cui continua la tendenza al ribasso del numero di cittadini nati, questa volta nei primi quattro mesi dell’anno. mentre il numero dei decessi, per varie cause, continua a crescere a ritmo lento.

Secondo i rapporti del Dipartimento amministrativo nazionale di statistica (danese), in dati preliminari, durante i primi quattro mesi del 2024, nel Paese sono state segnalate 145.416 nascite, una cifra che segna un calo del 14,6% rispetto ai 170.205 dello stesso periodo del 2023.

Piedad Urdinola, regista di Dane.

Per gentile concessione – Danese

Se però si tiene conto che tra gennaio e aprile 2015 (10 anni fa) erano state segnalate 211.452 nascite nello stesso periodo, si registra un calo delle registrazioni del 31%. Se si scontano i rimbalzi post-pandemia, si può dire che il trend negativo delle nascite va avanti dal 2019.

La decelerazione ha causato un calo del 24% nei profitti di 1.000 delle più grandi aziende del paese

Finora nel 2024, secondo i dati preliminari, il Paese ha raggiunto tale cifra numero più basso di nascite avvenute tra il 1 gennaio e il 30 aprile di ogni anno, nell’ultimo decennio, con un totale di 145.416 nati vivi. Ciò rappresenta una riduzione del -14,6% del volume delle nascite rispetto allo stesso periodo del 2023, che corrisponde a 24.789 nascite in meno”, ha indicato Dane.

Nascite

iStock

Questi dati confermerebbero l’affermazione di alcuni esperti di questioni demografiche nel paese, i quali sostengono che il declino demografico in Colombia sarebbe già iniziato e che la cosa più preoccupante è che, se così fosse, sarebbe almeno tre decenni in anticipo rispetto a quanto si aspettavano.

Commercio, uno dei settori più colpiti tra le 1.000 imprese

Secondo Jesús Fernández Villaverde e Iván Luzardo, del Dipartimento di Economia dell’Università della Pennsylvania, è necessario monitorare da vicino questi cambiamenti nei dati demografici, poiché sarebbe già chiaro che la popolazione colombiana inizierà a diminuire nel 2023.

Colombia

Tra il 2010 e il 2021, in Colombia si sono verificate più di 1,1 milioni di nascite di ragazze e adolescenti tra i 10 e i 19 anni sposate o unioni infantili.

Archivio EL TIEMPO

“Secondo le proiezioni danesi, la popolazione colombiana passerà da 51.682.692 abitanti nel 2022 a 52.215.506 nel 2023, il che significherebbe un aumento dell’1,03%. Tuttavia, questa proiezione non è coerente con l’andamento delle nascite, delle morti e del saldo migratorio”, hanno sottolineato.

1.000 aziende 2023: crollano i profitti del settore manifatturiero

Quindi le cose avvertono che se si sta verificando questo fenomeno insolito, le sue implicazioni devono essere attentamente riviste, dato che “non è stata ancora identificata dalle autorità. La Colombia sarebbe quindi quasi tre decenni avanti rispetto a quanto previsto dalle statistiche ufficiali, che stimavano tale declino per gli anni ’50 del 2000”.

Popolazione

A partire dal 2050, la curva si invertirà e in Colombia ci saranno più morti che nuove nascite.

Fascicolo privato

Un altro focus in queste informazioni presentate da Dane riguardava il paese di origine e residenza abituale della madre, rilevando che durante i primi quattro mesi del 2024 si è verificato un calo del contributo dei nati vivi di madri immigrate dal Venezuela sul numero totale delle nascite che il Paese registra, passando dall’8,5% nel 2020 al 4,5% nel 2024.

Quali sono le cinque più grandi aziende della Colombia e che peso hanno nell’economia?

“Complessivamente, le nascite da madri immigrate provenienti da un altro Paese o da madri residenti in Venezuela non superano l’1,0% nel 2024, cifra anch’essa in diminuzione, quando nel 2020 questi stessi gruppi rappresentano il 2,7% delle nascite segnalate nel territorio nazionale”. afferma il rapporto danese.

Migranti

Migranti centroamericani

istock

Per quanto riguarda la fascia d’età dei padri e delle madri nel totale delle nascite segnalate nei primi quattro mesi dell’anno, secondo Dane, nel caso delle donne, la maggioranza riguardava le fasce tra i 15 ei 19 anni e tra i 20 ei 24 anni; mentre nel caso degli uomini la fascia più alta si riscontra nei gruppi tra i 20 ei 24 anni e tra i 25 ei 29 anni.

Perché Dian ha chiuso il picchetto di Doña Segunda e altri 18 stabilimenti

“Finora nel 2024 e rispetto al 2020 nelle madri, la fascia di età quinquennale che riduce maggiormente la propria partecipazione al numero totale delle nascite a livello urbano e rurale, corrisponde alle adolescenti tra i 15 e i 19 anni, con diminuzioni di -3,9 punti percentuali nelle aree urbane e -2,5 in quelle rurali”, aggiunge anche il rapporto.

Povertà

Il dato sull’inflazione riflette un miglioramento del potere d’acquisto della popolazione vulnerabile e povera del paese.

Milton Diaz

I decessi aumentano poco a poco

Anche se i dati sulle morti non fetali nel paese sono aumentati poco a poco negli ultimi tempi in Colombia, i conti dell’autorità statistica mostrano una crescita del 24% negli ultimi 10 anni, passando da 71.982 nel 2015 a 88.959 nel 2024, considerando i primi quattro mesi di ogni anno come riferimento.

Le 1.000 aziende più grandi del Paese hanno ottenuto ricavi per 1.313 miliardi di dollari nel 2023

La distribuzione dei decessi per sesso nell’anno in corso 2024, Presenta un comportamento simile agli anni precedenti, con una percentuale maggiore di uomini. Nell’anno 2024, la percentuale di morti non fetali tra gli uomini sarà del 54,3% e la percentuale delle donne sarà del 45,7%”, ha affermato Dane.

Deceduti

Deceduti.

Questi dati mostrano anche che gli anziani concentrano il maggior numero di decessi dopo aver mantenuto un trend crescente che passa da 48.960 decessi nel 2015 a 65.163 decessi nel 2024, trend che si ripete nei giovani adulti, che passano da 5.594 nel 2015 a 6.761 in 2024.

Basso consumo di latte e altre chiavi di lettura della crisi del settore lattiero-caseario

Nella prima infanzia, invece, il trend è in diminuzione, passando da 2.970 casi nel 2015 a 2.050 casi nel 2024, un cambiamento che È evidente anche nell’adolescenza, che passa da 1.236 casi nel 2015 a 1.042 nel 2024.

Deceduti

Deceduti.

“Ad oggi, nel 2024, la prima causa di morte sono le cardiopatie ischemiche con il 16,8% dei decessi, seguite dalle malattie cerebrovascolari con il 6,3% e dalle malattie croniche delle basse vie respiratorie con il 5,6%”, ha concluso Dane.

Il dollaro ha chiuso la settimana in leggero calo, nonostante l’elevata volatilità degli ultimi giorni

Con questo, a poco a poco, una tendenza che è stata allarme da parte di analisti e centri studi, e che evidenzia che la popolazione sta invecchiando e che si sta avviando ad affrontare fenomeni sociali come quelli già visti in Europa e in alcuni paesi asiatici, dove la mancanza di forza lavoro sta incidendo sulle dinamiche produttive delle nazioni.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-