Nuova paralisi sulla linea ferroviaria del Cerrejón per ingorghi, ora l’ex appaltatore chiede una revisione della liquidazione

Nuova paralisi sulla linea ferroviaria del Cerrejón per ingorghi, ora l’ex appaltatore chiede una revisione della liquidazione
Nuova paralisi sulla linea ferroviaria del Cerrejón per ingorghi, ora l’ex appaltatore chiede una revisione della liquidazione

CQuattro giorni di paralisi completano la linea ferroviaria del Cerrejóna causa dell’escalation dei blocchi da parte delle comunità vicine.

I blocchi colpiscono anche il trasporto del carbone dalla miniera a Puerto Bolívar L’ingresso delle forniture essenziali per l’operazione mineraria è compromesso.

La compagnia carboniera ha riferito che dal 17 giugno ha registrato più blocchi in modo intermittente sulla linea ferroviaria, di cui una attiva al chilometro 133, nel comune di Uribia, vicino alla località di Puerto Bolívar, in Alta Guajira.

Blocchi sulla linea ferroviaria.

Foto:Cerrejon

Anche se può sembrare insolito, la compagnia carboniera ha confermato che in questo caso il blocco è dovuto a una persona della comunità indigena Wayú di Jipicha, che ha lasciato un’impresa appaltatrice tre anni fa, e chiede che venga rivista la sua liquidazione.

Le altre proteste sono state registrate a causa di conflitti interni, problemi con il Ministero degli Affari Indigeni e di chiedere lavoro alla multinazionale.

Uno di questi è stato registrato a Puerto Bolívar, a causa dei disaccordi delle comunità indigene con la scelta dell’autorità tradizionale, per cui hanno deciso di collocare un lucchetto sulla porta d’ingresso per diversi giorniche è già stato revocato.

Questi blocchi compromettono anche la le esportazioni di minerali e la mobilitazione del treno che trasporta l’acqua a 164 comunità vicine.

Cerrejón ha ribadito il suo impegno affinché, insieme agli enti governativi e alle comunità, si creino spazi di dialogo, consultazione e costruzione collettiva, affinché si possa avanzare nel rafforzamento del tessuto sociale ed imprenditoriale della regione.

“Come azienda siamo molto preoccupati per i continui blocchi che stanno vivendo l’operazione e il dipartimento, rispettiamo il diritto alla protesta sociale, ma rifiutiamo i mezzi di fatto perché siamo convinti che la strada sarà sempre quella del dialogo, dell’apertura e della collaborazione pacifica con le comunità”, ha osservato Juan Carlos García, Direttore degli Affari Sociali di Cerrejón.

Secondo un’analisi della Camera di Commercio di La Guajira, i costanti blocchi a La Guajira, finora quest’anno, Mettono a rischio il normale funzionamento dell’azienda, generando perdite che superano i sette miliardi di pesos.

richiede un lavoro volto a trovare soluzioni sostenibili che garantiscano l’accesso a servizi pubblici di qualità

Questo lunedì, il governatore di La Guajira Jairo Aguilar, insieme al Direttore Nazionale della Consultazione Previa del Ministero degli Interni Álvaro Echeverry e all’Ispettore Generale della Polizia Nazionale, Generale di Brigata William Oswaldo Rincón Zambrano, insieme a Wayú palabreros, I Community Action Board e l’Accademia hanno partecipato a un forum per analizzare e trovare una soluzione a questo problema che è diventato il nostro pane quotidiano.

“Ciò richiede un lavoro volto a trovare soluzioni sostenibili che garantiscano l’accesso a servizi pubblici di qualità, un’istruzione dignitosa e la risoluzione dei conflitti territoriali, garantendo così il benessere e lo sviluppo economico del dipartimento”, ha indicato nell’analisi e nel panel tenutosi a Riohacha , Álvaro Romero Guerrero, presidente esecutivo della Camera di Commercio di La Guajira.

Eliana Mejia Ospino

Speciale per il tempo

Riohacha

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-