Il Cile realizza un progresso “storico e definitivo” nell’esportazione di uva da tavola senza fumigazione verso gli Stati Uniti

Il Cile realizza un progresso “storico e definitivo” nell’esportazione di uva da tavola senza fumigazione verso gli Stati Uniti
Il Cile realizza un progresso “storico e definitivo” nell’esportazione di uva da tavola senza fumigazione verso gli Stati Uniti

A cura della Redazione di PortalPortuario

@PortalPortuario


Lui Ministro dell’Agricoltura, Esteban Valenzuela Van Treeklo ha sostenuto chili ha realizzato un progresso “storico e definitivo”, che consentirebbe la uva da tavola anticipo nella voglia di poter esportare verso il mercato del stato Partecipato senza la necessità di fumigare il prodotto a base di frutta.

“C’è un progresso storico e definitivo da parte del Cile nell’esportare la nostra uva da tavola negli Stati Uniti senza bromuro di metile, il che le fa perdere qualità e prezzo; e che è molto importante per le regioni di Valparaíso, Coquimbo e Atacama”, ha indicato Valenzuela.

“L’uva da tavola è il secondo frutto più importante nelle nostre esportazioni e una catena di enorme sviluppo economico per le regioni; Quindi, questo è un passo definitivo”, ha detto l’autorità cilena Valenzuela riguardo ai nuovi progressi del Sistemi approccio dopo una videochiamata che ha avuto con il Lo ha affermato il ministro dell’Agricoltura degli Stati Uniti, Tom Vilsack.

Questo sistema sostituisce la fumigazione con bromuro di metile con una serie di misure di mitigazione, all’origine, migliorando la qualità e la condizione del frutto nel mercato di destinazione, permettendogli di raggiungere una posizione competitiva rispetto all’uva da tavola proveniente da altri paesi che non richiedono tale processo .

L’accordo arriva dopo 22 anni di negoziati tra il Ministero dell’Agricoltura, i sindacati, i governi regionali e Frutas de Chile e permetterà l’esportazione di uva da tavola con migliori condizioni di qualità a beneficio dei consumatori e dei produttori.

Lui direttore nazionale del Servizio Agricolo e Zootecnico (SAG), José Guajardo, ha spiegato che “lavoriamo da molto tempo, dal 2000 e questi sono gli ultimi passi e stiamo dando segnali chiari che lo realizzeremo ora e, reciprocamente, riceveremo e autorizzeremo l’ingresso di mirtilli contro la stagione. “Sono grandi passi avanti per la nostra agricoltura”.

All’incontro ha partecipato anche il vicedirettore della SAG Operations, Rodrigo Sotomayor; il capo degli affari internazionali di Odepa, Gabriele Layseca; addetto agricolo del Cile negli Stati Uniti, Andrea Rodriguez e il coordinatore geografico dell’America di Odepa, Javiera Pefaur.

D’altro canto, il settore privato ha apprezzato questo annuncio. Lui presidente di Frutas de Chile, Ivan Marambioha commentato che “ci riempie di gioia e speranza perché questo sistema ci permetterà di migliorare le nostre spedizioni e la nostra competitività nel principale mercato di destinazione delle nostre uve, che sono gli Stati Uniti, poiché sostituisce la fumigazione con un sistema di ispezione, che favorisce la condizione e qualità del frutto.

“Oggi, il 61% del volume totale di uva fresca esportata nel mondo proviene dagli Stati Uniti e di tale importo, oltre il 35% proviene dalle regioni che beneficeranno dell’approccio sistemico; zone che, inoltre, soffrono di una grave siccità”, ha concluso.


 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-