Il capo della Polizia Federale di Santa Fe sarà indagato per aver tenuto prigioniero per denaro un VIP – Diario El Ciudadano y la Región

Il capo della Polizia Federale di Santa Fe sarà indagato per aver tenuto prigioniero per denaro un VIP – Diario El Ciudadano y la Región
Il capo della Polizia Federale di Santa Fe sarà indagato per aver tenuto prigioniero per denaro un VIP – Diario El Ciudadano y la Región

Il capo della delegazione della Polizia Federale della città di Santa Fe, il commissario Guillermo Gabriel Gallo, parteciperà alle indagini insieme a un suo subordinato, il vice commissario Leonardo Rafael Benítez, per aver ricevuto denaro per organizzare un trattamento VIP per il detenuto Juan Ignacio Suris, un finanziatore della droga ospitato nella struttura e condannato a 8 anni di carcere dal Tribunale Federale di Bahía Blanca. Il primo a cadere, in mezzo a un grande scandalo, è stato il vicecommissario Benítez, che viene processato per il trattamento preferenziale in cui “l’inquilino”, come lo chiamavano Suris, “ha effettuato ordini di cibo tramite richieste di consegna presso il deputato cellulare del commissario e, secondo le dichiarazioni testimoniali, gli agenti erano incaricati non solo di fare acquisti personali per lui, ma anche di preparare grigliate per lui e per gli altri detenuti.”

Il vice commissario Benitez è accusato dei reati di “corruzione passiva, peculato, inadempimento dei doveri di pubblico ufficiale e abuso di autorità, in ideale concorso con l’occultamento doppiamente aggravato perché si tratta di reato particolarmente grave e per la sua qualità di pubblico ufficiale e violazione di segreti”, secondo il sito www.fiscales.gob.ar.

Ora la nuova inchiesta sul caso è stata chiesta dal procuratore federale Walter Rodríguez, nel quale ha dimostrato che a Suris è stata data la possibilità di avere a disposizione elementi ed apparecchi, di usare il cellulare a sua discrezione, e di ricevere visite a qualsiasi ora e in qualsiasi momento. Secondo la Procura Gallo ha commesso i reati di abuso di autorità e inosservanza dei doveri di pubblico ufficiale, affidando al proprio personale sottoposto l’esecuzione di ordini contrari alla normativa interna e non dando esecuzione alle vigenti norme in materia privativa della libertà.

Il commissario Gallo è stato assegnato all’incarico di capo della Divisione dell’Unità Operativa di Santa Fe il 4 novembre 2022. E il procedimento di cui è accusato si è prolungato tra il 27 novembre 2023, quando Suris è stato arrestato nella città di Esperanza, suo luogo di detenzione. residenza per alcuni mesi, e l’11 marzo, quando scoppiò lo scandalo con un’irruzione della Gendarmeria Nazionale dell’agenzia, ordinata dalla Procura Federale 2 di Santa Fe.

Suris è stato trasferito nel carcere di Ezeiza ed è stato accusato di corruzione attiva, poiché secondo la Procura ha appreso che ha pagato per essere favorito nel luogo di detenzione; e insabbiamento per aver appreso, dalla polizia federale, di raid e dettagli delle indagini su un gruppo di narcotrafficanti nel quartiere di Las Lomas, nel capoluogo di provincia.

Le accuse contro Suris si aggiungono alla sentenza del Tribunale orale federale di Bahía Blanca con una pena unificata di 8 anni di carcere per aver installato un impianto di trote fattura per eludere il pagamento delle tasse all’Afip, che si aggiunge ad un’altra condanna per droga commercio tra il 2011 e il 2013.

Suris, noto anche per essere stato il compagno della star Mónica Farro, è stato temporaneamente ospitato presso la sede federale di Santa Fe fino al suo trasferimento al servizio penitenziario. Tuttavia, questa procedura non si concretizzò mai e cominciò a essere chiamato “terzo comandante” dagli altri detenuti, poiché si muoveva liberamente per l’unità e trascorreva ore negli uffici del quartier generale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-