Polemica a Chubut: le argomentazioni dei legislatori che rifiutano di premiare gli studenti con la “frequenza perfetta”

Polemica a Chubut: le argomentazioni dei legislatori che rifiutano di premiare gli studenti con la “frequenza perfetta”
Polemica a Chubut: le argomentazioni dei legislatori che rifiutano di premiare gli studenti con la “frequenza perfetta”

Il governatore di Chubut, Nacho Torres, insieme ad altre autorità provinciali alla cerimonia ufficiale del giuramento della bandiera

In la provincia di Chubuti legislatori non sono riusciti a mettersi d’accordo sull’opportunità di premiare gli studenti che hanno “assistenza perfetta“nelle scuole. Un disegno di legge, che ha cercato di istituire questo riconoscimento semplice e puramente simbolico nell’ livello primarioha finito per essere rinviato nella sua trattazione mercoledì scorso, a causa delle divergenze emerse nel dibattito legislativo.

Il deputato di “Arriba Chubut” Vanessa Abril Lei è stata uno dei membri dell’organismo che ha guidato una clamorosa opposizione all’iniziativa. Nel suo rifiuto, ha sostenuto che “bambini che oggi spesso devono scegliere tra mangiare o andare a scuola”. E si è espresso contro ogni tipo di rivalità tra pari a cui mancano le stesse opportunità.

Il regime di riconoscimento per “Assistenza perfetta agli studenti del livello di istruzione primaria” è promosso dal deputato PRO, Sonia Cavagnini, del settore “Despierta Chubut”. Come dice il titolo, il suo obiettivo è riconoscere lo sforzo e la dedizione degli studenti di quel livello di istruzione, sia negli istituti scolastici pubblici che privati. Ha lo scopo di incoraggiare la regolarità e l’impegno nell’istruzione.

L’iniziativa ha ottenuto a parere favorevole nella Commissione Permanente di Legislazione Generale, Cultura ed Educazione. Se ne sarebbe discusso mercoledì scorso, nei locali della Legislatura locale. Tuttavia, a seguito delle obiezioni sollevate dall’opposizione, Si è deciso di discutere nuovamente il progetto nella commissione originaria. Non c’è stata nemmeno molta insistenza: la decisione è stata presa all’unanimità di tutti i blocchi.

Nel suo resoconto su X, Vanesa Abril scrive: “Attualmente si parla di panieri di base superiori a 1 milione di pesos, e Stanno mettendo i ragazzi in una situazione competitiva per un certificato di frequenza.quando devono scegliere tra mangiare o comprare il libro di scuola”.

“Non dobbiamo occuparci di un progetto di questo tipo, i deputati devono presentare progetti realizzabili. Oggi le persone ci chiedono di applicare il buon senso ed è nostro obbligo farlo”, ha aggiunto. E ha concluso: “Siamo qui per fare leggi che migliorino la qualità della vita della gente di Chubut, e non per un albo d’onore di aiuto quando molti non possono comprare i beni di prima necessità”, ha dichiarato il rappresentante del gruppo.Su Chubut”che integra il blocco del peronismo.

La deputata Vanesa Abril si è opposta al disegno di legge che premia gli studenti della scuola primaria che frequentano con una “frequenza perfetta”. Credito:

La mancata frequenza alle lezioni è oggi uno dei maggiori problemi delle scuole. Le cause sono molteplici, ma un fattore chiave è che nella maggior parte dei distretti l’obbligo di frequenza è stato eliminato per mantenere la regolarità. Il paradosso è che la maggioranza dei politici insiste sull’importanza di rispettare i giorni scolastici fissati dalle autorità educative. Infatti, sulla stessa piattaforma Arriba Chubut, nel capitolo “Istruzione”, si legge: “Nessuno studente può avere meno giorni di lezione a causa di problemi nelle scuole, sia che si tratti di riscaldamento o mancanza d’acqua in estate, o perché non hanno il loro capacità.” al limite o per mancanza di attrezzature.”

Ma il rispetto dei giorni di scuola non dipende solo dalle infrastrutture e dagli insegnanti; È difficile onorare questo obiettivo se i bambini non frequentano la scuola.

La leadership politica non ha ancora trovato una visione comune su come risolvere il problema deficit educativo delle nuove generazioni. Un esempio recente è stata la decisione del Provincia di Buenos Aires per stabilire il ripetizione solo per i soggetti a livello secondario, invece di frequentare l’intero anno.

Tale risoluzione, che è stata sostenuta da esperti in ambito educativo, non sono riusciti a convincere gli altri attori della comunità educativa. “È curioso che tutti gli specialisti celebrino questa misura e tutti gli insegnanti siano critici, cosa sta sempre alla base di questa disconnessione?” illustrato in un’intervista a Infobae l’insegnante Bruno Videlache ha più di 17 anni di insegnamento nelle scuole secondarie della città di Buenos Aires.

Per Videla, uno dei tanti problemi educativi è il lassismo con cui viene affrontata l’istruzione. assenza scolastica, al punto che le famiglie decidono di non mandare i figli a scuola a causa del maltempo. “Lo dico da tempo ai bambini manca molto la scuola, che è normale avere solo metà del corso e molti rispondono che il piano deve essere rimosso. Lavoro a Belgrano e Urquiza, non ci sono quasi studenti i cui genitori abbiano un progetto, non è così”, ha riflettuto l’insegnante.

La legislatura di Chubut ha deciso di rinviare il disegno di legge che premia la “perfetta frequenza” delle scuole

Su questo punto, secondo Videla, non esiste nemmeno un’applicazione rigorosa del limite di assenze per soggetto nella città di Buenos Aires. Gli standard esistono, ma in pratica esiste una flessibilità di criteri per ottenere l’approvazione è simile a quello di altre giurisdizioni.

“Faccio una lista ogni giorno, ma la verità è che non conosco, almeno non conosco, nessun insegnante che resti fermo e dica “non hai rispettato, quindi vieni a esibirti .” In generale, ragazzi finiscono per approvare lo stesso. Succede che per non approvare uno studente devi giustificarlo in un modo che diventa noioso. Quindi, molte volte gli insegnanti valutano la situazione e dicono “basta, se avesse fatto come gli altri, sarebbe venuto meno spesso, ma ehi, ecco, cosa facciamo?”, rifletteva l’insegnante a questo medium.

Colpisce il rifiuto del progetto Chubut considerando che lo spirito non è punire ma incoraggiare. L’iniziativa finora non ha avuto successo. Ci sono stati progressi anche in altre misure che riguardano l’ambiente scolastico e che richiedono meno discussioni. Nella stessa sessione che ha deciso di rinviare il dibattito sul progetto di partecipazione perfetta, la Legislatura locale ha approvato una legge che stabilisce l’obbligo di giurare fedeltà alla bandiera di Chubut.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-