Juan Ruiz Orrico è stato trasferito in un sanatorio fuori Entre Ríos

Juan Ruiz Orrico è stato trasferito in un sanatorio fuori Entre Ríos
Juan Ruiz Orrico è stato trasferito in un sanatorio fuori Entre Ríos

Si è appreso che il direttore dell’Istituto Provinciale del Porto, Juan Ruiz Orrico, è stato trasferito questo sabato a mezzogiorno in un sanatorio situato nella Capitale Federale dopo il grave incidente sulla strada 39 che ha causato la morte di quattro giovani. Tre famiglie si sono costituite parte civile e si cercherà di accertare la responsabilità del funzionario.

Si ricorderà che il funzionario si trovava nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Justo José de Urquiza di Concepción del Uruguay, dove Aveva diversi lividi e una frattura all’arto superiore, ma indicavano che era lucido e non necessitava di assistenza ventilatoria.. Tuttavia, a partire dal fine settimana, La direzione dell’ospedale ha annunciato il ricovero di Orrico, effettuato su decisione della sua famigliaha affermato Elentrerios.

Come va il caso giudiziario?

Il caso era inizialmente toccato al pubblico ministero María Occhi, che si è scusata dal proseguire le indagini a causa della sua amicizia con la moglie di Orrico, Evangelina Bruzzo. In questa situazione Il coordinatore dei procuratori della giurisdizione, Fernando Lombardi, ha ordinato che il caso proseguisse con il pubblico ministero Eduardo Santos.

LEGGI DI PIÙ: Basavilbaso piange la tragedia stradale sulla Route 39

D’altra parte, i parenti di Axel Rossi, Lucas e Brian Izaguirre si sono costituiti querelanti tramite l’avvocato di Mario Arcusin, anch’egli originario di Basavilbaso. L’avvocato ha annunciato che è in attesa dei rapporti ufficiali della Divisione Criminalistica per definire se si procederà contro Ruiz Orrico, presidente dell’Istituto Provinciale Portuale, o contro lo Stato provinciale poiché l’auto coinvolta nell’incidente apparteneva alla Provincia..

LEGGI DI PIÙ: Hanno identificato i lavoratori morti nello schianto della Route 39

Arcusin cercherà di perseguire penalmente per “omicidio premeditato aggravato dal consumo di alcol” o “omicidio premeditato dovuto alla velocità” poiché, a suo avviso, l’impatto è avvenuto in un settore in cui il percorso è segnalato e altro “La guida ad alta velocità è davvero spericolata”. A denunciare l’auto su cui viaggiava Orrico “È diventato instabile sulla terribile strada della zona, l’ha attraversata fino alla banchina sud e in quel momento è tornato sulla striscia di asfalto, momento in cui l’auto degli operai stava arrivando dalla parte anteriore, provocando il violento scontro”.

Infine l’avvocato ha precisato: “Devono assumersi la responsabilità di quanto accaduto e dare un futuro ai figli di questi giovani con una lunga aspettativa di vita”il che implica che si provvederà anche in sede civile.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-