Fine settimana lungo: dieci detenuti, sequestro di armi e munizioni

Giovedì scorso, i membri del Comando Radioelettrico di Santa Fe, dipendente dall’Unità Regionale I, hanno proceduto al sequestro di tre armi da fuoco di diverse caratteristiche, oltre a venti munizioni, in diverse azioni svolte nei quartieri di Santa Fe, dove hanno trasferito preventivamente sei soggetti di 45, 34, 32, 23 anni e due giovani di 18 anni, rimasti a disposizione della Giustizia.

Quartiere del Centenario

Il primo procedimento si è svolto a Tarragona alle ore 6.00, dove gli attori hanno notato il passaggio di tre persone che, notato il cellulare della polizia, hanno tentato di scappare entrando in una proprietà della zona e, con le dovute precauzioni legali, hanno seguito la loro fuga. passi e riuscì a scappare intercettandoli all’interno. Lì hanno sequestrato una pistola calibro 9 mm con una borsa contenente più di venti cartucce intatte. Successivamente, e dopo gli arresti dei menzionati, hanno informato a loro volta della notizia la Procura della Repubblica, e presso la sede della 1a Sezione hanno redatto il verbale del procedimento.

Allo stesso modo, e in continuità con il procedimento di polizia, a Blas Parera e Lavaisse, il personale dello stesso dipartimento ha fatto lo stesso quando ha intercettato un giovane per identificarlo e, dopo averlo perquisito personalmente, ha sequestrato un fucile dai suoi effetti personali. Successivamente hanno informato l’organo giudiziario competente che ha disposto il trasferimento all’agenzia corrispondente per giurisdizione, al fine di espletare il giusto procedimento sommario.

Infine, a Pavón, alle ore 24.00, gli agenti in uniforme del suddetto Comando hanno arrestato due individui che, analogamente al primo episodio citato, tentavano di scappare quando la pattuglia li ha notati e ha scartato un oggetto nei loro tentativi di evasione, poi vanificati dalla polizia. . Gli agenti, infatti, dopo essere stati intercettati e fermati, hanno provveduto al sequestro di un’arma da fuoco artigianale del tipo “tombera”. In questura hanno svolto gli atti procedurali consueti.

Sia i detenuti che gli oggetti sequestrati sono stati messi a disposizione dell’autorità giudiziaria competente.

Con un 9mm.

Allo stesso modo, tra venerdì e sabato, al termine di procedimenti condotti da membri della CRE di Santa Fe e Santo Tomes, in diversi quartieri della capitale e di Sauce Viejo, hanno arrestato quattro uomini di 39, 33, 24 e 18 anni e hanno proceduto all’arresto sequestro di una pistola calibro 9 mm con munizioni, di un revolver calibro 32 a pieno carico, di un revolver calibro 38, di una pistola ad aria compressa modificata e di una “tombera”, con cartucce calibro 22, 16 e 12 integre.

Venerdì pomeriggio, la polizia del Comando Radioelettrico di Santo Tomé è riuscita a catturare un individuo di 33 anni che guidava una motocicletta nelle vicinanze delle Calles 18 e 55, a Sauce Viejo. Il suddetto, quando si è accorto della pattuglia, avrebbe tentato la fuga e avrebbe abbandonato il veicolo per farlo a piedi in una zona di corridoi, ma i suoi tentativi sono stati presto vanificati dagli autori del reato. Parimenti, dopo il suo arresto, è stata sequestrata la suddetta pistola. Più tardi, alla 16a stazione di polizia secondaria. Hanno officiato il procedimento.

Guarda ancheImportante sequestro di pezzi di pesce e di una carabina

Nelle ore successive, in circostanze simili, il personale in uniforme del Comando Radioelettrico di Santa Fe ha fatto lo stesso quando ha trovato, in un’area vicino a Riobamba e all’argine, un fucile ad aria compressa calibro 22 modificato con cartucce intatte della stessa dimensione, oltre a come arma artigianale con munizioni calibro 16 e 12 Per motivi giurisdizionali, nella sezione 8va. Hanno creato l’atto richiesto.

Tentativo di fuga e cattura

Successivamente, sull’Av. Loza e Patricias Argentinas, dipendenti della suddetta CRE di Santa Fe, hanno arrestato due persone che avevano commesso un reato nelle vicinanze di dette adiacenze attraverso minacce con armi da fuoco. Gli attori sono arrivati ​​sul posto e, con i dati raccolti, hanno intercettato i presunti autori dell’incidente che avevano tentato di fuggire attraverso una proprietà della zona. Allo stesso modo, gli agenti hanno trovato una pistola calibro 32 completamente carica, che è stata portata insieme agli arrestati nelle stazioni di polizia.

Infine, una pattuglia della stessa divisione ha fatto lo stesso a Larrea e Juan Díaz de Solís dove hanno sequestrato una rivoltella calibro 38 e un’auto con a bordo un soggetto che cercava di scappare dai sequestratori, quando gli hanno chiesto di fermare la marcia qualche blocchi prima. A seguito di un inseguimento, sono riusciti a raggiungerlo al suddetto incrocio dove lo hanno bloccato e sequestrato l’arma da fuoco e il veicolo. Nella Sezione 8, hanno lavorato su ciò che avevano fatto.

Infine, vale la pena ricordare che in tutti gli atti hanno informato degli sviluppi gli organi giudiziari competenti.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-