La Germania chiede alla Spagna i quarti di finale

La Germania chiede alla Spagna i quarti di finale
La Germania chiede alla Spagna i quarti di finale

Rubén Canizares

Inviato speciale a Dortmund

Domenica 23 giugno 2024, 23:07

| Aggiornato alle 23:53

I percorsi facili non sono mai stati positivi per la Spagna nei grandi tornei. Forse questa è la lettura più sensata di ciò che attende Luis de la Fuente. Era a un solo minuto dal liberarsi della Germania, ma un gol nei minuti di recupero, così intrinseco a questa squadra, lo mette sulla strada della Spagna. Se entrambe le squadre vincessero gli ottavi di finale, si incontrerebbero nei quarti di finale venerdì 5 luglio a Colonia (21:00).

Il primo tempo tra Elvezi e tedeschi conferma quanto già intuito contro l’Ungheria. I padroni di casa sono tedeschi, ma anche vulnerabili. Con la fase a gironi ormai conclusa, la conclusione è che la vittoria per 5-1 nella partita di apertura contro la Scozia è stata più trucco che bellezza naturale.

Nalgelsmann ha insistito per giocare con Havertz come falso nove, e il giocatore dell’Arsenal non è un nove e non sappiamo se sia falso. Ha realizzato un colpo di testa da calcio d’angolo e un altro di sinistro, entrambi fuori dalla porta. La stessa cosa che è capitata a Rudiger, dopo un cross di Kroos.

svizzero

Estate; Schär, Akanji, Ricardo Rodríguez; Freuler, Xhaka, Widmer, Aebischer, Rieder (Vargas, 65), Ndoye (Amdouni, 65) ed Embolo (Duah, 65)

1

1

Germania

Neuer; Kimmich, Rüdiger, Tah (Schlotterbeck, 61), Mittelstädt (Raum, 61); Andrich (Beier, 66), Kroos; Musiala (Sané, 76), Gündogan, Wirtz (Füllkrug, 76); e Havertz.

  • Obiettivi
    1-0. m.28: Ndoye. 1-1. m.90+2: Fülfrug

  • Arbitro
    Daniele Orsato (Italia). Ha rimproverato Ndoye, Xhaka e Widmer in Svizzera; in Germania a Tah

L’unico tiro tra i pali tedesco, di Andrich dai 25 metri, è finito in rete dopo una bella chiamata di Sommer, ma non è entrato sul tabellone. L’azione è stata invalidata da una precedente azione di Musiala, che, sul punto di concludere un cross di Mittelstadt, ha portato in vantaggio Aebischer. Lo svizzero ha esagerato e il VAR ha abboccato. Anche Orsato. Ciò che l’italiano non ha visto in campo lo ha visto sul monitor. L’arbitraggio video e il suo eccesso di zelo.

Il gol svizzero è arrivato al 28′, l’unico tiro in porta dei centroeuropei nei primi quarantacinque minuti. Il rilassamento difensivo tedesco ha permesso un due contro sei in cui Freuler è entrato in area e ha piazzato un cross per Ndoye che ha concluso sul primo palo su corner di Neuer. Mancanza di intensità e di attenzione tedesca che gli costarono caro. 0-1

Due minuti dopo lo svizzero sfiorava il secondo posto. Un altro errore, questa volta personalizzato in Rudiger, morbido come plastilina nel corpo a corpo con Ndoye, ha lasciato solo l’attaccante svizzero al limite dell’area. Il suo tiro di sinistro sfiora il palo.

Una Germania uscita dallo spogliatoio più inserita nella partita, ma altrettanto giusta nelle idee. La Svizzera, che ha già eliminato la Francia dall’ultimo Europeo, agli ottavi, è come quel caldo umido che ti si attacca alla maglietta e non riesci a toglierlo nemmeno con due acquazzoni. Attrezzatura rocciosa dalla quale non è facile staccare un boccone.

La Germania ricorse al suo solito stile. Tiri da fuori area, tanti calci piazzati e giochi aerei. Ci hanno provato Kroos, Raum e Havertz, ma i loro tentativi non hanno fatto battere ciglio a Sommer. Al portiere svizzero è bastato infilare i guanti su un colpo di frusta di Musiala. È stato preceduto da uno splendido passaggio di Wirtz.

Era più rumore che altro. La Germania ha aggiunto alle statistiche con il 70% di possesso palla, quasi una dozzina di calci d’angolo e 600 passaggi, ma è stata ancora la Svizzera a mettere la palla in rete. All’83’ il contropiede svizzero viene completato da Vargas con un sinistro impossibile per Neuer. La celebrazione durò un paio di secondi, finché non si accorse che l’assistente aveva alzato la bandiera. La posizione anti-regolamentare era chiara. 0-2 interruzioni.

Cinque minuti dopo, Xhaka ha trovato il gol anche per la Svizzera con un tiro di sinistro che ha fatto volare Neuer. Poco prima Havertz aveva colpito di testa un corner sopra la traversa.

Ed è arrivato il novanta minuto, il favorito di Real Madrid e Germania. Nel 700esimo cross della Germania, un vero ‘9’ è arrivato a rete. Palla con musica di Raum e tiro di Füllkrug contro il piede di Sommer. 1-1 e Germania-Spagna in vista.

Questo contenuto è esclusivo per gli abbonati

2€/mese per 4 mesi

Sei già abbonato? Login

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-