Le vittime indirette del femminicidio chiedono azioni per ridurre la violenza nella SLP – El Sol de San Luis

Le vittime indirette del femminicidio chiedono azioni per ridurre la violenza nella SLP – El Sol de San Luis
Le vittime indirette del femminicidio chiedono azioni per ridurre la violenza nella SLP – El Sol de San Luis

In un atto carico di emozione e resistenza, i parenti delle vittime del femminicidio, accompagnati da vari gruppi come “Per loro, per noi e per tutti”così come “Narrazioni degne”hanno alzato la voce per chiedere alle autorità statali di intraprendere azioni concrete per rafforzare la lotta contro la violenza di genere a San Luis Potosí.

La recente installazione di un memoriale in onore di nove donne assassinate nella regione ha segnato un punto di svolta nella situazione richiesta di giustizia e risarcimento dei danni da parte delle persone colpite.

L’arrivo del il nuovo pubblico ministero, María Manuela García Cázareschi in precedenza Ricoprì un alto incarico nella magistraturaah ha suscitato preoccupazione tra i familiariche vedono questo cambiamento come un’opportunità per garantire indagini efficaci con un focus di genere sui casi di femminicidio che hanno sconvolto la società di Potosí.

IL richiesta di disporre di risorse e personale specializzato per contrastare la violenza femminicida è stata sottolineata come una necessità urgente nel contesto della crisi attuale.

▶️ Unisciti al nostro canale WhatsApp e ricevi le informazioni più rilevanti del momento

La denuncia del ritardi e omissioni delle autorità In casi emblematici come quelli di Samantha Rodríguez, Karla Pontigo, Odalis Hipólito e Nataly Alonso, è stato un punto centrale nelle rivendicazioni delle famiglie, che hanno sofferto la esaurimento emotivo e fisico causato da processi legali lunghi e strazianti. La mancanza di accesso alla giustizia e l’assenza di una prospettiva di genere nelle indagini sono state identificate come gravi carenze del sistema giudiziario che richiedono una pronta soluzione.

Il monumento eretto in onore delle nove donne assassinate rappresenta non solo un omaggio, ma anche una richiesta di giustizia e di riparazione dei danni da parte delle famiglie. La determinazione a continuare a installare un memoriale ogni anno finché non sarà fatta giustizia per le vittime dimostra la fermezza e la perseveranza di coloro che sono stati colpiti dalla violenza di genere a San Luis Potosí.

Nel mezzo di questo scenario di dolore e domanda, Le famiglie delle vittime indirette di femminicidio riaffermano il loro diritto alla memoria, alla verità e alla riparazione, cercando così di trovare una strada verso la giustizia e la possibilità di andare avanti nonostante la perdita irreparabile dei propri cari. La creazione di questo spazio commemorativo rappresenta un costante richiamo alla lotta per l’uguaglianza e allo sradicamento della violenza di genere nella società di Potosí.

La richiesta di giustizia da parte dei familiari delle vittime del femminicidio non si ferma e la loro voce risuona forte in un contesto segnato da urgenza di agire contro la violenza sessista che continua a mietere vittime a San Luis Potosí. Di fronte all’incertezza generata dai cambiamenti ai vertici della magistratura e delle procure, la società civile resta vigile e impegnata nella lotta per un futuro più sicuro ed equo per tutte le donne della regione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-