Questi sono i debiti milionari che il Governo ha con le compagnie energetiche

Questi sono i debiti milionari che il Governo ha con le compagnie energetiche
Questi sono i debiti milionari che il Governo ha con le compagnie energetiche

12:46 PM

Il governo nazionale ha tagliato 150 miliardi di dollari dal bilancio generale della nazioneche incidono sui sussidi energetici, secondo Asocodis.

Con questo panorama di fondo, José Camilo Manzur, presidente di Asocodis, ha spiegato a El Universal che “I sussidi per gli strati 1, 2 e 3 presentano un deficit di 1,15 miliardi di dollari nel budget 2024”.

Per questo motivo ha assicurato che, con il recente taglio del bilancio, verranno tolti 150 miliardi di dollari al settore elettrico. il che significa che ci saranno sussidi solo fino a metà agostoquindi, “il resto dell’anno non ha risorse assegnate”.

Non solo ci sono debiti per i sussidi energetici (500 miliardi di dollari), ce ne sono anche Secondo Asocodis, per l’opzione tariffaria restano pendenti 4,5 miliardi di dollari.

Bisogna ricordarloL’importo totale stimato del debito ammonta a circa 4,7 trilioni di dollari, secondo MinHacienda, di cui quasi il 50% corrisponde alla costa caraibica.

Potrebbero interessarti: Le nuove misure per ridurre le tariffe energetiche in Colombia; MinEnergía ha raggiunto accordi con aziende

Con la responsabilità di questo debito da parte del governo nazionale, prevede una riduzione delle tariffe elettriche tra il 7% e il 19% per gli utenti che stanno ancora applicando l’opzione tariffaria e/o sono in procinto di recuperare i propri saldi.

Oltretutto, C’è un debito di 1 miliardo di dollari nei confronti degli utenti ufficiali e costituzionalmente protetti, per un totale di 6 miliardi di dollari. “Se le risorse per i sussidi non vengono assegnate, ci mettono in una difficile situazione di liquidità”, ha detto Manzur.

Per quanto riguarda il debito dell’opzione tariffaria, Manzur ha sottolineato che affinché la Nazione possa assumerselo, Serve l’autorizzazione del Congresso, che sarà presentata il 20 luglio. Inoltre sono necessarie altre risoluzioni Creg.

Questa era una misura che le società di commercializzazione dell’energia si sono proposte come alternativa per gli utenti colpiti dalla crisi economica e sociale in pandemia.

La diminuzione delle tariffe potrebbe arrivare fino al 20%, soprattutto nel mercato servito da Air-e (Atlántico, Magdalena e La Guajira).

Gli utenti non vedranno riflessa nelle loro bollette la riduzione del debito assunto dalla Nazione (2,7 trilioni di dollari). finché le società non riceveranno tutte le risorse associate a tali debiti.

Potrebbe interessarti: I produttori di energia rispondono al reclamo per presunta cartellizzazione

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sánchez va a vedere Spagna-Germania e pochi si rendono conto di chi è quasi accanto: è già un caso
NEXT Inmaculada Riera incoraggia le imprese spagnole a trarre vantaggio dal trattato di associazione UE-Giappone