Per una Tijuana dal design universale presenteranno la guida “PIDO Acces”.

Per una Tijuana dal design universale presenteranno la guida “PIDO Acces”.
Per una Tijuana dal design universale presenteranno la guida “PIDO Acces”.

La guida “PIDO Access”, composta da raccomandazioni per adattare la città a un progetto di accessibilità universale, sarà presentata durante il Secondo Forum binazionale sull’accesso di Tijuana, il 10 luglio.

“L’obiettivo dell’incontro è continuare a parlare dell’importanza del design universale, nei prodotti, nei servizi e negli spazi”, ha affermato Eduardo López Ruiz, organizzatore del forum, considerando che gli spazi devono essere adattati a tutte le persone indipendentemente dalla loro condizione.


Pubblicità

Come ha spiegato, la sua creazione è stata possibile grazie alla convergenza delle idee raccolte durante il primo forum, tenutosi nel dicembre 2023. È stata ottenuta dopo un incontro nel mese di marzo a CANACO, ha commentato Jose Alberto Velazco, direttore della valutazione e del monitoraggio dell’Istituto Municipale di Partecipazione dei cittadini (IMPAC).

I criteri di progettazione della guida sono reinterpretati a partire dal sistema DALCO, adattato al contesto messicano, chiamandolo PIDO (Punto di Supporto, Informazione, Spostamento e Orientamento), ha commentato.

Tra alcuni tratti è stato evidenziato che le rampe non dovrebbero essere verniciate di blu, perché con il deterioramento delle alte temperature la vernice diventa scivolosa e quindi inaccessibile.


Pubblicità

Trattandosi però solo di raccomandazioni, per realizzarle è necessaria la volontà dei ristoranti, delle imprese e delle famiglie.

“Parte di ciò su cui stiamo lavorando è il Piano di sviluppo municipale, che arriverà presto a novembre, vogliamo includere diverse strategie su cui abbiamo lavorato in progetti su cui abbiamo lavorato anche con l’UABC, in modo che possano poi diventare regolamenti, ” ha concluso.

Progetto di intervento sul corridoio fluviale della terza fase
Emiliano Gonzalez, membro del progetto ANDA, ha spiegato che nei piani di intervento è previsto l’adattamento di un corridoio nella zona della Terza Fase del Fiume, da Macroplaza all’Istituto Messicano di Previdenza Sociale (IMSS). N. 1 per criteri di accessibilità, essendo un’area facile in cui lavorare.

“Oltre a creare un passaggio accessibile, un parco lineare, realizzare un percorso accessibile all’interno e all’esterno della mediana che sarebbe il parco lineare e ciò comporterebbe la sistemazione di marciapiedi che abbiano alberi con radici che non li rendano di facile accesso e che si abbiano scendere per strada, dipingere strisce pedonali, sistemare rampe non conformi alle normative adeguate, segnaletica a terra per le persone con disabilità visiva e semafori uditivi”, ha commentato.

Ha sottolineato anche la sua importanza in quanto si tratta di una zona con centri medici e ricreativi come la Fondazione Castro Limón, Pasitos, CAM, Macroplaza, DIF e il Centro per l’Autismo.

Il 2° Forum binazionale di Tijuana Access si svolgerà mercoledì prossimo, 10 luglio, nella hall di El Cubo del Centro Culturale di Tijuana (CECUT) dalle 10:00 alle 13:00

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’istruzione aumenta del 20% la somma stanziata per il programma Erasmus+, portandola a 322 milioni
NEXT Creeranno un’applicazione per aiutare i bambini con difficoltà di linguaggio