Critica: “Cattivissimo Me 4” non ha motivo di esistere

Critica: “Cattivissimo Me 4” non ha motivo di esistere
Critica: “Cattivissimo Me 4” non ha motivo di esistere

Dopo i successi del secondo film di Minions e Super Mario Bros. Il filmIllumination Entertainment torna nei cinema con un altro capitolo del suo franchise di punta: Cattivissimo me 4, un film diretto da Chris Renaud, riprende le avventure di Gru, ora membro attivo dell’Anti-Villain League. Sfortunatamente, questo nuovo film è privo di storia e sostituisce invece qualsiasi sviluppo interessante del personaggio con una sfilata di battute e gag comiche.

In questa nuova avventura, Gru (doppiato da Steve Carrell e Andrés Bustamante nel doppiaggio) deve fuggire con la sua famiglia e assumere una nuova identità per proteggerli tutti da Maxime Le Mal (Will Ferrell/Alexandre Doyhamboure), il suo vecchio compagno di scuola cattivi che ora cercano vendetta per un’umiliazione passata.

Sembra che con ogni nuovo capitolo, il franchise di Cattivissimo Me faccia meno sforzi nel raccontare una storia e di più nella vendita di giocattoli e nella creazione di clip divertenti a scapito dei suoi personaggi. Nonostante abbia fornito uno sviluppo coerente e un interessante arco drammatico per Gru Minions: è nato un cattivoqui gli sceneggiatori Mike White e Ken Daurio ci presentano una serie di sketch comici legati molto vagamente dal conflitto tra Gru e Le Mal. Dopo la sequenza iniziale, il film divide e segue ciascuno dei personaggi in situazioni divertenti, però dovute a causa del gran numero di protagonisti, a volte gli sceneggiatori se ne dimenticano e li abbandonano per gran parte del filmato, altre non hanno motivo di esistere nella storia e la stragrande maggioranza finisce per essere irrilevante.

Gru, il grande protagonista del franchise, non ha nulla da fare né alcuna crescita come personaggio. All’inizio si pone l’accento sui suoi problemi di rabbia, qualcosa di mai visto o menzionato prima, e sembra che il suo obiettivo sarà quello di diventare una persona più gradevole, ma non è così, poiché questo viene subito dimenticato e un nuovo obiettivo. è impostato: per compiacere gli altri tuo figlio. Anche questa sottotrama non vale nulla e serve solo a generare un bavaglio automobilistico; Poi incontra Poppy (Joey King/María Becerra), figlia dei suoi nuovi vicini e aspirante cattiva, che lo ricatta, hanno una scena d’azione con riferimenti a Mission Impossible e poi si passa ad altro. Questo è stanco: sono tutti scherzi e la storia non finisce mai.

Italiano:

Anche Lucy (Kristen Wiig/Andrea Legarreta) e le ragazze non c’entrano nulla nel film, la loro presenza si riduce a una piccolissima sequenza in un dojo di karate, uno scherzo estetico e poi una sequenza d’azione; Potremmo toglierli dal nastro e tutto rimarrebbe uguale. La stessa cosa accade con Gru Jr., il nuovo membro della famiglia: non ha ragione di esistere, non modifica le dinamiche tra i personaggi, non cambia affatto Gru e non funziona come veicolo narrativo per avanzare la storia.

La campagna pubblicitaria di Cattivissimo me 4 si è concentrato molto sulla presentazione dei Mega Minions, purtroppo questi sono una grande delusione, la necessità di avere servitori con superpoteri non è mai giustificata, hanno solo due sequenze in tutto il film. Gli sceneggiatori intendono criticare con loro i film sui supereroi, ma il tutto finisce con una lunghissima battuta.

Un altro aspetto negativo è l’uso di Attuali, cioè personaggi pubblici famosi, nel doppiaggio. Mentre Andrés Bustamante fa un buon lavoro nei panni di Gru, così come Edgar Vivar, che ritorna nei panni di Pietraseron, non possiamo dire lo stesso di Andrea Legarreta o dell’inclusione in questa puntata di Chumel Torres nel ruolo del nuovo vicino di Gru; Nessuno dei due si sforza di nascondere la propria voce o di dare personalità al personaggio attraverso la propria interpretazione, si sentono sempre rigidi e non trasmettono emozioni.

Il punto forte del film è l’animazione. Gli artisti si sono occupati di dettagliare tutto per dargli molto più realismo senza dimenticare lo stile cartoonesco dello studio. Ad esempio, possiamo vedere le rughe sulle dita di Gru o i dettagli nella cucitura dei costumi dei Mega Minions. D’altra parte, il punto di Heitor Pereira (Il gatto con gli stivali: l’ultimo desiderio) è iconico e brilla nelle sequenze d’azione e trasmette perfettamente il caos dei servitori.

Cattivissimo me 4 funzionerebbe meglio come un’antologia di cortometraggi con protagonisti Gru e la sua famiglia. Il film non ha nulla da offrire agli spettatori se non qualche battuta divertente e un paio di riferimenti alla cultura popolare. Il film non presenta nulla di nuovo, non c’è sviluppo dei personaggi o qualcosa di interessante che giustifichi il voler portarci questo seguito. L’animazione è spettacolare, come in molti dei lavori recenti dello studio, tuttavia questa finisce per diventare la confezione colorata di un prodotto vuoto.

“Cattivissimo Me 4” è ora disponibile nei cinema.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Mery EMe presenta in anteprima la sua nuova hit “Qué Cura” dall’album “Mil Amores”
NEXT Perché alcune app di navigazione mostrano una velocità inferiore a quella del tachimetro dell’auto?