I lavoratori del MUREL continuano a protestare dopo l’incontro con il direttore dell’INAH

I lavoratori del MUREL continuano a protestare dopo l’incontro con il direttore dell’INAH
I lavoratori del MUREL continuano a protestare dopo l’incontro con il direttore dell’INAH

Rafael Hernández Melchor, membro della Sezione di Coahuila e rappresentante dell’Unione Nazionale Democratica dei Lavoratori del Ministero della Cultura (SNDTSC), ha dichiarato a El Siglo che i lavoratori del Museo Regionale La Laguna (MUREL) continueranno a lavorare sotto protesta dopo l’incontro si sono svolte mercoledì scorso con Diego Prieto Hernández, direttore generale dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH).

Hernández Melchor ha riferito che l’incontro si è svolto nell’auditorium MUREL, dopo la presentazione dei resti archeologici dell’Uomo di Bilbao. Vi hanno partecipato 11 operatori del museo, il direttore dell’INAH, le autorità locali e rappresentanti dell’istituto di Città del Messico.

“È stata discussa la situazione del consiglio e (il direttore dell’INAH) ha colto il contesto. Lui stesso ha detto che non sono iscritti all’istituto, che è sbagliato e che vanno regolarizzati. “Aspetteremo di vedere quale decisione prenderà in questi giorni riguardo al consiglio.”

Dallo scorso maggio i lavoratori del MUREL stanno portando avanti una protesta pacifica nelle strutture del museo; Hanno affisso manifesti all’ingresso denunciando la mancata manutenzione dell’edificio e la presunta gestione irregolare del bilancio da parte del consiglio, attualmente presieduto da Ricardo Martínez Torres.

“Quelle persone non possono essere presenti nel museo, perché sono fuori dall’INAH. “Non possono ricevere donazioni a nome dell’istituto, perché non sono registrati”.

Per quanto riguarda il mantenimento del MUREL, che è un’altra delle richieste importanti dei lavoratori, Rafael Hernández Melchor ha sottolineato che il direttore dell’INAH non ha prestato molta attenzione a questo punto.

“Abbiamo menzionato com’è il museo e lui ha scosso la testa, non ci ha prestato attenzione, lo visiterà più tardi. E le autorità locali devono risolverlo. Ecco perché è importante che il consiglio sia aggiornato e abbia la sua registrazione”.

Per questo motivo la manifestazione pacifica al museo continuerà finché questi disaccordi non saranno risolti.

Vale la pena ricordare che prima dell’incontro con i lavoratori della MUREL, Diego Prieto Hernández ha indicato: “L’INAH è un’istituzione accademica e qui tutto è soggetto a discussione, dialogo aperto e pensiero critico. E ne parleremo e raggiungeremo buoni accordi. L’istituto è così, non eliminiamo nessuna protesta”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Guidava in stato di ebbrezza e ha provocato un incidente con feriti gravi sulla statale 1
NEXT RUSSIA: Lavrov descrive le elezioni americane come un “triste spettacolo” | AlMomento.net