TikTok, una piattaforma nemica della libertà di espressione

TikTok, una piattaforma nemica della libertà di espressione
TikTok, una piattaforma nemica della libertà di espressione

Soia utente dalla piattaforma Tic toctanto più per seguire di volta in volta alcuni resoconti di contenuto storico, culturale, sportivo e/o di attualità in genere Faccio un video, trattando qualsiasi argomento. Ma ciò che ha attirato la mia attenzione è il modo irregolare e concreto con cui gestiscono (a meno che non sia così, in Messico) la mancanza di modestia, assurdità e apri CENSURAper qualsiasi argomento e per gli altri è lasciata piena libertà, e farò una manciata di esempi:

Hanno “abbattuto” un video circa un anno fa per aver parlato di cambiamenti nella legislazione in Messico Di matrimonio gay e tutto ciò che quell’argomento dà al dibattito. Da notare che non c’è stata una sola parola di offesa verso niente e nessuno, tanto meno.

In questi giorni, a causa della rovinosa crisi che il calcio messicano fai due video Ebbene, per uno di loro la piattaforma si è rivelata adatta sospendere temporaneamente il mio account, che “per aver violato le loro politiche e perché ‘qualcuno mi ha denunciato’”. Nell’altro hanno eliminato l’audio, che “per Diritto d’autore della CANZONE in detto video”… In cui non c’è altra melodia se non la mia voce che parla di calcio (a meno che qualcuno non abbia registrato i diritti sulla mia voce a suo nome).

Naturalmente sulla piattaforma in questione si può trovare, in modo casuale e tramite il famoso e capriccioso algoritmo, ogni dose di stupidità e bassezza, che può farmi pensare molte cose. Uno di questi è che smetto di usare quella schifezza applicazionee si spera nel prossimo sessennio, al quale si dovrebbe dare così tanta importanza sviluppo scientifico e tecnologico nazionalepuò creare una piattaforma Di Contenuti audiovisivi MESSICANI dall’inizio alla fine, senza dover cadere nel gioco dei cinesi, che con quella piattaforma inondano il mondo di abiezioni e “cazzate” idiota alla popolazione, che non per niente in più di un paese essa è stata vietata o è già allo studio.

CinaNon dimentichiamolo, ha i propri social network, e sia nel bene (evitare contenuti che corrompono la società) che nel male (limitare l’accesso alle informazioni e libertà di espressione) godono di un immenso successo. Anche Tic toc, essendo di origine cinese, lì viene chiamato diversamente e soprattutto i suoi contenuti sono molto più educativi e formativi; dai, impossibile vedere lì il “sfide” celebrità, che ogni giorno provocano la morte tra i più giovani e i meno brillanti perché fingono di “essere alla moda”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Nasce l’Associazione Fotografica Vía de la Plata a Casar de Cáceres
NEXT La seconda Divisione UAV (Unmanned Aerial Vehicles) opererà a Iguazú