Diario Extra – ‘Lo stipendio globale è una prova di odiosa discriminazione’

Diario Extra – ‘Lo stipendio globale è una prova di odiosa discriminazione’
Diario Extra – ‘Lo stipendio globale è una prova di odiosa discriminazione’

Albino Vargas, segretario generale dell’Associazione nazionale dei dipendenti pubblici e privati ​​(ANEP), ha rilasciato una dichiarazione contro la fissazione del nuovo salario globale per gli agenti di polizia, annunciato il 2 luglio dal Ministero della Pubblica Sicurezza.

“Compagni delle diverse forze di polizia del Costa Rica, che per molti anni hanno dato la vita con grande sacrificio per la sicurezza di questo paese in diversi casi, condizioni, situazioni, avete già visto la barbarie del salario globale.

Avete già i dati diffusi dal Governo, il Mideplán (Ministero della Pianificazione Nazionale e della Politica Economica), che tra l’altro non si sa da dove provengano e che rivelano la grande discriminazione, l’odiosa disparità salariale, per quanto riguarda il nuovo personale di polizia. Un oltraggio, un’aberrazione che si trova nella famosa legge quadro sul pubblico impiego”, ha affermato Vargas.

Ugualmente, ha ricordato che a livello delle forze di polizia, l’ANEP è stato l’unico gruppo che ha portato la questione del salario globale alla Camera Costituzionale.

Da parte sua, Walter Quesada, vice segretario generale dell’organizzazione, ha spiegato: “Non possiamo permettere che continuino a prendersi gioco della classe operaia costaricana. Dall’ANEP forniremo tutto il supporto legale necessario e anche qualsiasi attività che svolgeremo in strada per esigere che ciò che le autorità governative hanno promesso sia veramente rispettato e che sia fissato un salario veramente giusto per tutte le forze di polizia”.

AUMENTI DI STIPENDI PIÙ IMPORTANTI,
SECONDO IL MINISTRO

Viste le dichiarazioni dei dirigenti sindacali, DIARIO EXTRA ha consultato Mario Zamora, Ministro della Sicurezza, per conoscere la sua posizione e ha sottolineato che si tratta di una delle azioni salariali più importanti realizzate nel Paese. “Sia lo stipendio globale che l’aumento dovuto all’adeguamento tecnico rappresentano gli aumenti salariali più importanti e significativi che qualsiasi governo abbia concesso ai nostri agenti di polizia dall’entrata in vigore della Legge Generale sulla Polizia, Legge 7410, per 30 anni.

Lo stipendio globale deriva dalla Legge quadro sul pubblico impiego e copre l’intero settore pubblico, non solo la polizia, quindi ciò che afferma l’ANEP è parziale e inesatto”, ha affermato Zamora.

Inoltre, ha aggiunto che il gruppo sindacale non ha detto che quando gli attuali funzionari in servizio verranno promossi, a loro verrà applicato il nuovo stipendio globale. “Il che si tradurrà in un elevato beneficio per coloro che attualmente compongono la nostra Forza Pubblica. Questo governo ha inoltre approvato un adeguamento tecnico di 51.100 ¢ per gli agenti di polizia che non sono coperti dal salario globale. E tale aumento sarà retroattivo al 1° giugno 2024”, ha affermato il leader.

Va notato che, quasi 16 mesi dopo l’approvazione della Legge quadro sul pubblico impiego, Zamora ha riferito che è entrato in vigore il nuovo stipendio globale per i funzionari del portafoglio da lui diretto, che era stato stabilito in 831.000 ¢ al mese.

Questo nuovo pagamento si applicherà solo agli agenti di polizia che hanno aderito a partire dal 10 marzo 2023, data di inizio dell’attuazione di detta norma.

Il Ministero della Sicurezza ha precisato che, nel caso delle reclute, durante il loro processo di formazione e addestramento riceveranno uno stipendio di ¢ 511.504, ma Una volta diplomati ed entrati nelle unità di polizia per completare il periodo di prova, riceveranno 748.988 ¢.

“Una volta completato il periodo di prova in modo soddisfacente, entreranno nello Statuto di Polizia, che rappresenta uno stipendio di 831.194 ¢ al mese, nella posizione di Agente di Polizia 1”, ha indicato l’istituzione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La FAA ordina l’ispezione dell’aereo Boeing 737
NEXT Pubblicano un “Codice etico del governo” nel bel mezzo del “caso Begoña”