Ciò che hanno concordato Colombia e Panama dopo l’annuncio della chiusura parziale del passaggio attraverso la giungla del Darién

Il ministro degli Esteri della Colombia Luis Gilberto Murillo ha fatto riferimento all’annuncio del governo di Panama circa la chiusura del passaggio attraverso la giungla del Darién.

“Esistono visioni su come rispondere alla sfida della migrazione. Ciò su cui siamo d’accordo è che dobbiamo farlo insieme”, ha affermato l’ex ambasciatore negli Stati Uniti.

Lo ha assicurato anche il ministro degli Esteri Da Panama assicurano che si sta cercando di organizzare la migrazione che avviene attraverso il corridoio del Darién quindi lasceranno abilitate solo alcune voci.

Ciò su cui Panama e Colombia hanno concordato riguardo alla migrazione attraverso la giungla del Darién

Per quanto riguarda la questione dell’immigrazione, Murillo ha assicurato di aver incontrato il ministro degli Esteri panamense Javier Martínez Acha e che hanno concordato di rafforzare le relazioni tra i due paesi.

In modo che oltre ad avere la Commissione di vicinato, possiamo avere un gabinetto binazionale, cioè molto presto i due gabinetti si incontreranno per esaminare insieme le questioni.“Assicurò Murillo.

Per quanto riguarda gli impegni assunti da entrambe le nazioni, lavoreranno insieme per organizzare la situazione migratoria nella suddetta giungla.

Secondo Murillo Il governo di Panama lascerà alcuni valichi di frontiera abilitati ad avere una migrazione ordinata in questo senso e sarà rafforzato il controllo sull’immigrazione di entrambe le nazioni.

“Stiamo lavorando anche con Migration Colombia, con il Ministero della Difesa, con la Polizia e con le forze di sicurezza per avere un maggiore controllo sull’immigrazione”, ha affermato il Ministro degli Esteri Murillo.

Le richieste della Colombia riguardo alla migrazione attraverso il Darién Gap

Secondo le dichiarazioni del ministro degli Esteri Murillo, i governi colombiano e panamense si sono incontrati in diverse occasioni.

Infatti, secondo il ministro il presidente della Colombia Gustavo Petro ha incontrato il suo omologo panamense José Raúl Mulino e si è parlato di temi come l’interconnessione elettrica, la migrazione e lo sviluppo nella zona frontaliera di El Darién.

Inoltre, il Ministro degli Esteri colombiano ha assicurato che sul tavolo delle conversazioni è stato sollevato il tema dell’importanza della lotta ai gruppi illegali e alle economie illecite che operano nella suddetta regione.

“Si parla della necessità di combattere e smantellare le reti criminali che operano in quella zona, principalmente il Clan del Golfo, e che controllano le attività illecite, tra cui ovviamente la tratta di esseri umani e il traffico di migranti”, ha detto Murillo.

Allo stesso modo, il funzionario colombiano ha assicurato che si è parlato della necessità che la migrazione sia organizzata, solidale e umana.

“Là ne parliamo […] le proposte di sviluppo per il Darién. Il presidente Petro lo ha sollevato innumerevoli volte; La sfida dell’immigrazione irregolare non sarà risolta se non investiamo nei paesi e in quelle regioni affinché le persone restino e si stabiliscano nei loro territori”, ha affermato il ministro degli Esteri colombiano.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il duo cubano Buena Fe in un concerto unico a Bogotá, Colombia
NEXT l’aggiornamento di Windows che sta causando ritardi nei voli