George Russell ottenne la pole in un Gran Premio di Gran Bretagna in cui gli inglesi furono i tre più veloci

George Russell ottenne la pole in un Gran Premio di Gran Bretagna in cui gli inglesi furono i tre più veloci
George Russell ottenne la pole in un Gran Premio di Gran Bretagna in cui gli inglesi furono i tre più veloci

In una classifica che riserva sorprese al di là delle mutevoli condizioni della pista, ha festeggiato il team Mercedes, che ha ottenuto un 1-2: gli inglesi Giorgio Russel ha preso la pole position Gran Premio di Gran Bretagna Di Formula 1, che si svolge sul circuito di Silverstone, davanti al compagno di squadra e connazionale Italiano: Lewis Hamilton.

“All’inizio dell’anno non potevo nemmeno sognare di ottenere una pole position qui. “Non potrei essere più felice,” ha riconosciuto Russell, nella sua settimana migliore da molto tempo, dopo la vittoria di domenica scorsa nel Gran Premio d’Austria, e facendo segnare il miglior tempo questo sabato: 1m25s819/1000. “Non ci aspettavamo di essere in prima linea, ma la macchina era fantastica, sembrava perfetta,” ha aggiunto Hamilton, fiducioso per la gara di domenica, la dodicesima della stagione.

Per i fan locali, il qualità Era perfetto, visto che l’altro pilota inglese, Lando Norris, Ha conquistato il terzo posto con una McLaren che sembrava la favorita per dominare tutto. “La battaglia con la Mercedes non è finita, spero che avremo belle battaglie in gara”, ha avvertito Norris. Il suo compagno, l’australiano Oscar Piastri, Ha segnato il quinto tempo, senza riuscire a migliorarsi nel finale, come si aspettavano dai box.

Max Verstappen Ha passato un pomeriggio difficile. È uscito di pista nei primi minuti delle qualifiche, ma è riuscito a sfuggire allo scontro con la Red Bull abbastanza da proseguire, e il pavimento dell’auto era in riparazione per alcuni minuti. L’auto non era più la stessa dopo quell’errore. E nell’ultimo giro lanciato, l’olandese è apparso a disagio in certi settori. Sarà in terza fila, partendo dal quinto posto.

Dietro, altre sorprese e suspense. Il tedesco Nico Hulkenberg (Haas) partirà dal sesto posto, facendo un ottimo lavoro. Il messicano Carlos Sainz (Ferrari) ha concluso settimo, in una classifica inferiore a quanto ci si aspettava per la squadra italiana. Il canadese Passeggiata di Lance (Aston Martin) è provvisoriamente ottavo, in attesa della decisione di una penalità per mancato rispetto del semaforo rosso, e questo potrebbe favorire, almeno, il tailandese Alessandro Albon (Williams) e spagnolo Fernando Alonso (Aston Martin), che si sono piazzati nono e decimo nella Q3.

Il messicano Sergio Perez ha aggiunto un’altra frustrazione per non essere riuscito a superare la Q1. Ha optato per le gomme da asciutto nonostante la vicinanza della pioggia e, con l’asfalto un po’ scivoloso, è finito fuori pista, incastrato nel cordolo, provocando la bandiera rossa. Il pilota della Red Bull ha concluso 19° e sarà sulla griglia di partenza davanti solo al francese Pierre Gasly (Alpine), anch’egli partito dal fondo a causa di una penalità. Il finlandese non ha superato nemmeno quella fase della classifica. Valtteri Bottas (Kick Sauber), il danese Kevin Magnussen (Haas) e francese Esteban Ocon (Alpino).

Un’altra grande sorpresa è stata Charles Leclerc, che non è riuscito a raggiungere la Q3, il momento di lottare per la pole. La Ferrari monegasca è stata eliminata nel segmento di qualifica precedente e ha concluso 11a, quindi dovrà partire a centro gruppo nella gara di domenica. Dietro di lui la Williams dell’americano Logan Sergente, il giapponese Yuki Tsunoda (RB), i cinesi Guanyu Zhou (Kick Sauber) e l’australiano Daniel Ricciardo (RB).

Il meglio della classifica F1 del GP di Silverstone

La finale sarà questa domenica a partire dalle 11 (ora argentina), 52 giri attorno al circuito di 5.891 metri.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Lui è un autista Uber a Miami, un agente di polizia gli ha chiesto i documenti e hanno avuto una discussione finita nel peggiore dei modi
NEXT Il sindaco di Girón risponde al direttore dell’UNGRD