ti libererai dell’ispezione se la tua auto è in questo elenco

ti libererai dell’ispezione se la tua auto è in questo elenco
ti libererai dell’ispezione se la tua auto è in questo elenco

La revisione tecnica obbligatoria dei veicoli, denominata ITV, è una procedura che tutti gli automobilisti devono rispettare nel nostro Paese. A volte questo può essere un vero grattacapo, soprattutto se si tratta di veicoli vecchi o modificati, poiché superarlo può essere complicato. Nonostante questo, Molti automobilisti si chiedono se potrebbero essere multati per non avere l’adesivo MOT sulla loro auto..

Il regolare processo di ispezione viene effettuato in strutture autorizzate, dove vengono controllate le condizioni tecniche e la sicurezza delle auto. Quando il veicolo viene omologato dopo la revisione, gli viene assegnato un adesivo, il che fa sorgere in molti il ​​dubbio se possano essere penalizzati se non lo hanno attaccato all’auto. Allo stesso modo, sorge la domanda se tutti i veicoli debbano essere sottoposti o meno al MOT. Qui affronteremo questa e altre preoccupazioni. La prima domanda è se sia possibile ricevere una multa per non aver indossato il bollino MOT e la risposta è affermativa.

Anche se la Guardia Civil di solito non effettua controlli frequenti, guidare senza l’adesivo ITV apposto sul parabrezza è motivo di infrazione. La prima revisione dovrà essere effettuata quattro anni dopo l’immatricolazione. e, successivamente, ogni due anni fino al raggiungimento dei dieci anni di anzianità. Da quel momento in poi la revisione dovrà essere effettuata annualmente per garantire il corretto funzionamento e la sicurezza del veicolo.

auto storiche

È curioso che, da qualche tempo, ce ne siano alcuni veicoli esenti dal passaggio dell’ITV. Si tratta dei veicoli immatricolati prima del 1° gennaio 1950, siano essi automobili o ciclomotori. Si chiamano auto storiche.

La Direzione Generale del Traffico ha evidenziato l’ rilevanza di queste automobili come parte del nostro patrimonio culturale, motivo per cui ha deciso di aumentare il numero di veicoli storici in Spagna. In questo senso, le nuove normative offrono una grande opportunità per quelle classificate come storiche, il che significa che se ne possiedi una, puoi evitare il controllo tecnico.

A partire da quest’anno, alcune auto non dovranno essere sottoposte a revisione in nessun momento. Si tratta di veicoli immatricolati prima del 1 gennaio 1950. La Direzione Generale del Traffico (DGT) ha sottolineato l’importanza di questi veicoli come parte del patrimonio culturale della Spagna, per questo motivo si propone di aumentare il numero di automobili storiche nel nostro Paese.

In questo modo, chi possiede uno di questi veicoli potrà godere della privilegio di non doverlo mai più sottoporre all’ITV. Per quanto riguarda le auto private, è importante ricordare che di tanto in tanto devono superare la revisione tecnica.

Recensioni meno frequenti

Loro veicoli che possono passare il MOT meno frequentemente sono i seguenti:

  • Moto, quadricicli e quad non devono superarlo nei primi quattro anni.
  • Le autovetture e gli altri veicoli ad uso privato per il trasporto di persone, con una capacità fino a nove passeggeri (compreso il conducente), devono superare l’ITV ogni quattro anni.
  • I ciclomotori devono essere sottoposti a revisione ogni tre anni.
  • I veicoli del servizio di noleggio con o senza conducente, nonché quelli destinati alle autoscuole e con capienza fino a 9 posti (compreso il conducente), devono superare l’ITV ogni due anni.
  • Le roulotte trainate con una massa massima autorizzata (MMA) superiore a 750 kg devono essere sottoposte a revisione ogni sei anni.
  • I camion e i rimorchi fino a 3.500 kg devono essere sottoposti a revisione ogni due anni.
  • Veicoli speciali adibiti al lavoro e ai servizi, nonché macchine semoventi, esclusi quelli che per progettazione hanno una velocità inferiore a 25 chilometri orari, ogni quattro anni.
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’Estremadura incorpora un dispositivo nella campagna antincendio per facilitare la comunicazione tra le organizzazioni
NEXT Gli operatori sanitari rendono omaggio a Fidel Castro a Santiago de Cuba