Le prove contro la zia di Loan che la Giustizia analizza a più di 20 giorni dalla sua scomparsa

Le prove contro la zia di Loan che la Giustizia analizza a più di 20 giorni dalla sua scomparsa
Le prove contro la zia di Loan che la Giustizia analizza a più di 20 giorni dalla sua scomparsa

La giustizia federale l’ha accusata di “furto, alterazione delle prove nel caso, occultamento del prestito e di aver avuto un ruolo attivo in questi crimini”.

23 giorni dopo l’ultima volta che si sono visti Prestito Danilo Peña, Hanno detenuto sua zia, Laudelina Peña, in detenzione preventiva. a cui verrà trasferito Penitenziario Federale di Ezeiza dopo essere stata accusata nel caso della scomparsa del bambino nella provincia di Correnti.

IL Giustizia federale Ha accusato Laudelina Peña di “furto, alterazione delle prove nel caso, occultamento di Prestito e di aver avuto un ruolo attivo in questi crimini”. La donna è stata chiamata a testimoniare dal Procura della Repubblica. Tanto el fiscal federal de Goia, Mariano de Guzmancome il Ufficio contro la tratta e lo sfruttamento di esseri umani (PROTEX)l’hanno citata ritenendo che esistesse una presunzione di sospetto di un reato legato all’ostruzione delle indagini mediante l’inserimento di una scarpa di prestito che ha deviato le indagini.

“L’accusa ha riferito che il quadro probatorio consente di stabilire ragioni sufficienti per sospettare che la condotta imputata a Peña corrisponda, in linea di principio, alla sua eventuale partecipazione ad una manovra di rapimento e occultamento del minore Loan Peña, senza perdere di vista il fatto che il atto presunto “Potrebbe essere avvenuto in un contesto di criminalità organizzata o complessa e come parte di un’ipotesi inquadrata in un crimine federale”Giustizia dettagliata in una dichiarazione.

Quali erano le competenze dei cellulari coinvolti nel caso del prestito?

Gli inquirenti stavano cercando i messaggi WhatsApp delle persone coinvolte nel caso. Secondo il giornalista Jonatan Vialeil marinaio in pensione Carlos Perezmarito María Victoria Caillava, Ha cancellato tutti i messaggi che aveva con la sua ex moglie dopo la scomparsa di Loan. Questa persona vive dentro Resistenza, Chacopresso la cui abitazione sono state effettuate anche perquisizioni

Laudelina Peña.jpg

Ventitré giorni dopo l’ultima volta che hanno visto vivo Loan Danilo Peña, hanno detenuto sua zia, Laudelina Peña, in detenzione preventiva.

Il giornale Clarion Ha spiegato che la cancellazione di questo contenuto è stata effettuata in modo tale da non poter essere recuperato, il che aumenta ulteriormente i sospetti su Pérez. La Giustizia, invece, ha recuperato una chat WhatsApp tra Laudelina e sua figlia, Macarenain cui è evidente che la zia di Loan gli ha inviato una foto del bottino che avrebbe piantato nel pantano

Laudelina ha inviato il messaggio “Ho trovato questo bottino” alla figlia, che ha chiesto: “Il bottino del prestito?” Poi, l’attuale imputato ha risposto con una foto della scarpa. Durante la ricostruzione, Macarena ha mostrato una foto in cui si vede Laudelina camminare nel fango, così la zia del bambino di cinque anni ha poi dichiarato di essere stata costretta a depositare il bottino e poi a inviare la foto.

Lascia il tuo commento

Potrebbe interessarti

Freddo senza tregua

La Plata sotto zero: l’allerta è stata prolungata per le basse temperature in città

Tutte le foto

Così sono state vissute le amichevoli precampionato tra Gimnasia e Camioneros

Era 2 a 0

I titolari del Gimnasia hanno battuto i Camioneros nella loro prima amichevole precampionato

Storia toccante

Ha 2 anni, è un appassionato di netturbini e ogni notte li aspetta per salutarli

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Google rivoluziona la privacy: nuove opzioni per i cookie di terze parti
NEXT Quali saranno le zone interessate?