L’UANL ha effettuato un monitoraggio delle notizie con grande responsabilità ed efficacia: Uuc-kib Espadas

L’UANL ha effettuato un monitoraggio delle notizie con grande responsabilità ed efficacia: Uuc-kib Espadas
L’UANL ha effettuato un monitoraggio delle notizie con grande responsabilità ed efficacia: Uuc-kib Espadas
Numero: 402
  • Il monitoraggio delle notizie ha permesso di identificare l’effetto dell’informazione che i media portano ai cittadini: Norma De la Cruz

L’Istituto Nazionale Elettorale (INE) ringrazia l’Università Autonoma di Nuevo León (UANL) per essersi fatta carico del monitoraggio delle notizie del Processo Elettorale Federale (PEF) 2023-2024, “con grande responsabilità e con grande efficacia”, ha affermato il Consigliere Uuc -kib Espadas Ancona, presidente del Comitato Radiotelevisivo dell’INE.

Partecipando al forum di discussione: “Contributi di monitoraggio delle notizie Processo elettorale 2023-2024 e sfide future”ha aggiunto che sono stati mesi intensi di lavoro, nei quali l’UANL è stato fondamentale “affinché come Istituto potessimo svolgere i compiti che istituzionalmente e giuridicamente ci corrispondono”.

A questo forum di dibattito ha partecipato anche la Consigliera Norma De la Cruz Magaña; Yessica Alarcón Góngora, Capo dell’Ufficio della Direzione Esecutiva delle Prerogative e dei Partiti Politici, e Jorge Egren Moreno Troncoso, Direttore dell’Amministrazione Statale del Tempo in Radio e Televisione dell’Istituto.

Coloro che, separatamente, hanno riferito che il monitoraggio delle notizie è uno dei progetti centrali dell’INE, con il quale, quest’anno, è stato fatto un salto senza precedenti, includendo cinque nuove variabili di innovazione nel suo catalogo e analizzando gli stereotipi e gli atti di violenza politica contro Donne in base al genere.

Allo stesso modo, hanno affermato che il monitoraggio è diventato uno strumento efficace per fornire ai cittadini messicani un’ampia gamma di informazioni sul trattamento che i principali media riservano ai diversi attori politici.

Durante l’inaugurazione del forum, nell’Auditorium “Jorge Carpizo McGregor” della Facoltà di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali dell’UANL, Yessica Alarcón ha sottolineato che le innovazioni del monitoraggio delle notizie riguardano non solo i tempi di trasmissione, ma anche gli argomenti con cui quello più legato agli attori delle sfide politiche, alle proposte o agli elementi personali delle candidature.

Un’altra di queste è stata la diversificazione del catalogo dei programmi monitorati, per includere per la prima volta anche quelli di dibattito, opinione e analisi, il che ha rappresentato una sfida perché questi non solo “tendono a essere presentati in un panorama informativo più profondo, ma implicano anche un grado maggiore di complessità”.

Monitoraggio delle notizie, un quadro della domanda pubblica per i media

Moderando la Tabella 1: Confronto dei risultati tra i diversi monitoraggi effettuati nel tempo, Moreno Troncoso ha affermato che il monitoraggio delle notizie “ha permesso di stabilire un quadro di domanda pubblica affinché i media aderiscano sempre di più ai criteri di equità, imparzialità e obiettività tipiche dell’esercizio giornalistico libero e plurale”.

Sottolinea il tempo che i programmi monitorati hanno dedicato alle gare per la Presidenza, i senatori e i deputati federali, nelle cui pre-campagne hanno stanziato il 50% in più rispetto al 2012 e l’1,6% in più rispetto al 2018. Tuttavia, ha sottolineato che nelle campagne si è registrato “un notevole calo della copertura mediatica”, poiché hanno avuto una diffusione inferiore del 47% rispetto al 2012 e del 48% rispetto al 2018.

Ha inoltre consentito di individuare l’evoluzione del ruolo dei media e delle piattaforme digitali.

Durante Tabella 2: L’influenza dei contenuti mediatici sugli atteggiamenti e comportamenti dei cittadini e sullo sviluppo dell’impegno democratico; La consigliera Norma De la Cruz Magaña ha affermato che il monitoraggio delle notizie è uno strumento che ha permesso di identificare non solo il trattamento che i media e le piattaforme digitali danno all’informazione, ma anche l’effetto che ha nell’avvicinarla ai cittadini.

Per questo, ha aggiunto durante la sua moderazione, si avvicina il dibattito su come tutte le persone, in quanto consumatori di notizie, “si stanno vaccinando contro questi nuovi fenomeni” di informazione o disinformazione che possono provenire dai media, dalle piattaforme digitali o dai social network.

Monitoraggio efficace e di successo

Il Consigliere Espadas Ancona ha moderato la Tabella 3: L’esperienza dei partiti politici nel monitoraggio delle notizie del processo elettorale federale 2023-2024, dove ha spiegato l’importanza di uno scambio tra partiti politici su ciò che rappresenta per loro l’esperienza del monitoraggio delle notizie.

Infine, nella cerimonia di chiusura, il presidente del Comitato Radiotelevisivo dell’INE ha ringraziato i funzionari e gli accademici dell’UANL, nonché le unità responsabili dell’Istituto, soprattutto per “l’enorme compito di organizzare, progettare e assemblare l’intero processo e portarlo avanti” e, nel sottolineare il successo del processo in cui un’università statale si è assunta la responsabilità del monitoraggio nazionale, ha definito il forum di dibattito un “culmine molto degno dello sforzo professionale compiuto”.

Erano presenti al forum di dibattito Luis Gilberto Ramos Peña e Oswaldo Leyva Cordero, rispettivamente vicedirettore generale e vicedirettore della ricerca e degli studi universitari della Facoltà di Scienze politiche e Relazioni internazionali dell’UANL, nonché gli accademici Carlos Muñiz Muriel , Alma Iglesias González, Rubén Flores González, Juan Larrosa-Fuentes, Victoria Isabela Corduneanu; Alejandra Rodríguez e Oniel Francisco Díaz, nonché rappresentanti dei partiti politici.

-o0o-

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Lo staff di Kruse ha ricevuto una “sessione di coaching” per comprendere la squadra
NEXT Un uomo, critico dopo aver subito un semi-annegamento a Playa de Palma – Spagna