La zia di Loan, Laudelina, è stata arrestata per aver partecipato al rapimento

La zia di Loan, Laudelina, è stata arrestata per aver partecipato al rapimento
La zia di Loan, Laudelina, è stata arrestata per aver partecipato al rapimento

Questo venerdì Laudelina, zia di Loan Danilo Peña, è stata indagata e arrestata come coautrice del rapimento e dell’occultamento di suo nipote, scomparso il 13 giugno a Corrientes. La Giustizia ha ordinato la carcerazione preventiva per la zia del bambino di 5 anni.

Nel documento emesso dalla Giustizia per arrestare la zia della vittima, si segnalava la falsa pista che la moglie di Antonio Benítez ha lasciato giovedì 13 giugno per disorientare le autorità e che sarebbe stata costretta a farlo da Carlos Pérez e María Victoria Caillava.

Sottolineano che quell’occasione “in cui avrebbe riposto la scarpa da calcio del nipote, il cui ritrovamento presumibilmente accidentale sarebbe stato denunciato da Laudelina il giorno successivo, data in cui la traccia è stata raccolta dall’Equipe Interdisciplinare, potendo essere interpretabile anche come partecipazione al rapimento, trattenimento o occultamento del minore”.

Laudelina, compagna di Antonio Benítez (arrestato anche lui per abbandono di persona) e zia di Loan, è crollata sabato mattina, rompendo il patto di silenzio che aveva mantenuto fino ad allora. Durante la sua dichiarazione, ha rivelato che i coniugi, María Victoria Caillava e Carlos Pérez, avevano investito e ucciso Loan.

I vicini hanno rotto le finestre della procura dove è detenuta Laudelina

Gli abitanti di Goya, guidati dalla famiglia di Loan, hanno risposto con una massiccia mobilitazione davanti alla Procura che ha avuto momenti di tensione.

Sono trascorsi 22 giorni dalla scomparsa del minore e la Giustizia sta lavorando su diverse ipotesi. Uno di questi è il traffico di esseri umani e Laudelina è stata chiamata a testimoniare, dopo diverse contraddizioni nelle sue dichiarazioni.

Inoltre, questo venerdì è stata ordinata un’irruzione nella stazione di polizia 9 de Julio, con l’obiettivo di ottenere maggiori informazioni sugli elementi che potrebbero essere utilizzati per le indagini sul caso. Inoltre, in tribunale sono state raccolte le dichiarazioni di diversi testimoni.

Il padre di Loan ha preso di mira Laudelina

Il padre di Loan ha suggerito che Laudelina, che non ha lavoro, potrebbe ricevere dei soldi per sostenere la sua storia: “Probabilmente la stanno pagando per dire questo. (…) Non le ho parlato, ma la verità verrà fuori e troveremo Loan”.

José ha anche accusato Laudelina di aver coperto il marito, affermando: “Il prestito è stato portato via. Laudelina dovrebbe essere arrestata, lei e suo marito vengono insabbiati, perché lui sa cosa è successo a Loan.

Il padre ha escluso l’ipotesi dell’incidente, ribadendo di aver visto Pérez e Caillava seguire Loan nell’aranceto: “Non ci sono tracce né nulla che faccia dire che lo abbiano investito. “Non credo all’ipotesi dell’incidente.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Mundo Obrero – Enrique Santiago spiega l’accordo per il recupero delle libertà pubbliche limitate dalla legge bavaglio e dal Codice Penale
NEXT L’Assemblea della Pubblica Istruzione di Almansa risponde al Delegato dell’Istruzione sulla situazione dei Licei Serali