Etica istituzionale

Etica istituzionale
Etica istituzionale

L’ambiguità

Il problema oggi risiede nell’uso che alcuni individui e gruppi fanno delle istituzioni

Pochi giorni fa, un ministro del governo spagnolo si è avvalso del suo diritto di criticare l’attività giudiziaria, mettendola seriamente in discussione in termini del tipo “sono dannosi per la considerazione del potere giudiziario nell’insieme della società e sono dannosi per qualcosa di così importante come indipendenza giudiziaria”; Secondo tutte le previsioni sono stati superati da un altro ministro nel disprezzo istituzionale. Senza valutare tali manifestazioni, nutro grande preoccupazione per ciò che sta accadendo. All’alba del XX secolo la Spagna si trovava ad affrontare una profonda crisi istituzionale. La perdita delle ultime colonie nel 1898 e il diffuso disincanto innescarono una riflessione nazionale sulla necessità di rigenerare e rivitalizzare il sistema politico e amministrativo. Intellettuali come Unamuno e Azorín invocavano un profondo rinnovamento che potesse ridare fiducia e speranza al Paese. Le istituzioni erano logore e la soluzione risiedeva nella riforma strutturale e morale.

Oggi, un secolo dopo, la situazione è notevolmente cambiata. Le istituzioni spagnole hanno raggiunto livelli di solidità e maturità che i loro predecessori avrebbero potuto solo sognare. Tuttavia, il problema non risiede più nella struttura o nella legittimità delle istituzioni, ma nell’uso che alcuni individui e gruppi ne fanno, nonché nella messa in discussione interessata delle loro decisioni. In tempi recenti, abbiamo visto come alcuni attori, non vedendo soddisfatti i propri interessi particolari, non esitino a screditare l’attività giurisdizionale. Questa tendenza mina la fiducia del pubblico e perverte la funzione delle istituzioni, che dovrebbero servire il bene comune e non le agende personali.

Oggi osserviamo come le decisioni giudiziarie che non favoriscono determinati settori vengono rapidamente bollate come ingiuste o parziali, senza un’analisi obiettiva dei fatti e della legge applicabile. L’uso mediatico di queste domande ha un impatto diretto sulla percezione del pubblico. Alcuni media, che dovrebbero essere, come tutti gli altri, garanti di informazioni veritiere e analisi rigorose, a volte diventano piattaforme per la diffusione di narrazioni distorte. Questa strategia non solo mina la fiducia nelle decisioni giudiziarie, ma polarizza anche la società, creando un clima di sfiducia e divisione. A differenza dei tempi della Generazione del ’98, quando la critica costruttiva cercava un autentico rinnovamento, oggi il problema non è di rinnovamento o di rigenerazione ma di esercizio responsabile. Per procedere verso una società più coesa e fiduciosa, è imperativo che gli attori politici e sociali adottino un’etica istituzionale. Tale etica deve basarsi sul rispetto delle decisioni legittime, sulla critica costruttiva e sulla difesa del bene comune rispetto agli interessi particolari.

La rigenerazione del sistema, che in passato veniva ricercata attraverso riforme strutturali e morali, oggi richiede un rinnovamento dell’impegno etico di tutti gli attori coinvolti. Solo in questo modo si può garantire che le istituzioni continuino a essere un pilastro di stabilità e giustizia, capace di resistere a pressioni e manipolazioni egoistiche. La Spagna di oggi non si trova più ad affrontare il discredito strutturale delle sue istituzioni come nel XIX secolo. Tuttavia, la manipolazione e la messa in discussione egoistica delle decisioni giudiziarie rappresentano una sfida significativa. Il confronto con il passato ci ricorda che la soluzione non risiede soltanto in riforme superficiali, ma in un profondo impegno etico e nel rispetto della funzione essenziale delle istituzioni: servire il bene comune e mantenere la coesione sociale. Solo attraverso questo impegno possiamo garantire una fiducia duratura e una società più giusta ed equa. Quando il realismo ti porta al pessimismo non resta che sperare nel cambiamento, le istituzioni sono al di sopra del loro uso scorretto.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV PATRIA BONUS da 1.800 bolivar: attiva il NUOVO PAGAMENTO tramite Sistema Patria in 5 passi | quale bonus arriverà | www.patria.gob.ve | Bonus protettore sociale al popolo | carta patria | bonus annunciato oggi da Maduro | Venezuela
NEXT Quando “Beryl” diventerà di nuovo un uragano? 4 stati avranno pioggia a causa del ciclone tropicale – El Financiero