Chi ha ordinato il codice rosso ERC

Chi ha ordinato il codice rosso ERC
Chi ha ordinato il codice rosso ERC

Domani, lunedì 8 luglio, l’ERC avvierà una sperimentazione del suo genere chiarire chi ha ordinato il codice rosso, cioè chi ha ideato e/o dato il via libera a una controcampagna contro il numero 1 della lista ERC, Ernesto Maragallquando si candidava a sindaco di Barcellona alle elezioni comunali del 2023. La campagna in questione prevedeva un cartellone pubblicitario affisso in alcune zone di Barcellona in cui si poteva leggere “L’Alzheimer è fuori dal Barcellona” con le foto di Pascual Maragall (ex presidente della Generalitat) e di suo fratello Ernest Maragall, allora candidato repubblicano.

Le informazioni del ora giornale che hanno dimostrato che la paternità veniva dalla stessa campagna repubblicana, hanno aggiunto un nuovo fuoco organico a quello già esistente all’interno del partito. Ma ci sono incognite ancora da rivelare: perché è stato pubblicato adesso, chi sapeva e tollerava ciò che veniva fatto e se questo tipo di azione è comune. Oggi parliamo del guerriglia e attacchi sotto falsa bandiera nella comunicazione politica.

Qualcosa che non è passato inosservato ai giornalisti politici che conoscono bene l’idraulica dei media catalani è l’esclusiva diAri Ara era firmato da giornalisti politici e giudiziari. Ciò dimostra che la fuga di notizie o l’indagine non proveniva solo da fonti politiche, ma c’erano anche persone legate all’Interno e alla Giustizia.

Pertanto, la notizia e i tempi della sua pubblicazione potrebbero non rispondere esclusivamente alla battaglia organica scatenata. tra i clan Junqueras e Rovirapoiché entrambi hanno persone coinvolte nello scandalo, l’altra tesi che potrebbe emergere sarebbe quella relativa al disagio di alcuni settori della polizia rispetto alla situazione consigliere dell’Interno, Giovanna Ignasi Elena. Chissà, se questa notizia avesse lo scopo di accendere un nuovo fuoco per danneggiare, ancora di più, un partito che è nel mezzo di una crisi organica. Perché pubblicarlo adesso? Perché è evidente che l’ERC abbandonerà il governo prima piuttosto che dopo, e questa notizia ha un impatto molto maggiore ora che gli attori sono ancora nelle istituzioni che più tardi, quando alcuni erano già fuori dalla politica.

POTREBBE INTERESSARTI

La Generalitat getta via la palla nella sporca guerra dell’ERC contro i fratelli Maragall

Marco Lamelas. Barcellona

Come spiegato da Adesso giornale, non si trattava di una pratica isolata. Secondo le informazioni, l’ERC aveva una squadra parallela ha promosso ed eseguito questo tipo di azioni false flag. Ciò che non è ancora chiaro è se l’obiettivo finale fosse davvero quello di danneggiare Ernest Maragall o se invece lo fosse quello che si cercava generare una corrente di solidarietà nei confronti del candidato e, inoltre, fare una dose di ricordo sulla sua saga familiare. Onestamente, indipendentemente dall’obiettivo prefissato, l’etica professionale, la mediocre esecuzione e lo scarso impatto ottenuto parlano di un’operazione ad altissimo rischio che, come è stato dimostrato, presentava molti più inconvenienti che presunti benefici e, pertanto, dovrebbe sono stati esclusi fin dall’inizio.

Questo tipo di azioni, come quella dell’ERC, attaccare i membri dello stesso partito Non è affatto comune, e ancor meno, cercare di generare una reazione di empatia, che con i politici funziona solo quando il danno morale o reputazionale è molto evidente e nonostante il fatto che utilizzare malattie neurodegenerative di suo fratello per attaccare un candidato è a turpitudine morale che potrebbe smuovere le coscienze, la sua esecuzione con poche centinaia di manifesti appesi non ha l’impatto necessario per risvegliare una reazione che possa smuovere una percentuale significativa dell’elettorato.

Chissà se questa notizia avesse lo scopo di accendere un nuovo fuoco per danneggiare, ancora di più, un partito che è nel pieno di una crisi organica.

Gli attacchi “white label” – cioè senza firma – contro altri partiti sono sempre più comuni in politica. Fondamentalmente perché I social network consentono alle campagne di avere laboratori di meme clandestini, video e ora, creatività con l’intelligenza artificiale per danneggiare i tuoi rivali dove fa più male, nella loro reputazione. Oggi oserei dire questo Non esiste un solo partito che non utilizzi tecniche di guerra sporca contro i suoi rivali, ma non contro quelli che pretende di criticare, bensì contro i suoi avversari diretti, quei partiti vicini con cui compete per i suoi elettori. Pertanto, se ricevi sul tuo cellulare un’immagine, un video o un audio che scredita un partito politico, pensa che sia stato realizzato nel laboratorio di qualcun altro… di sicuro.

Volevo concludere la valutazione del dimissioni del vice consigliere comunale Sergi Sabrià a causa dello scandalo. Ha assicurato che si sarebbe dimesso, ma che non era responsabile della controversa campagna elettorale, oltre ad insinuare che Junqueras fosse informato. Lo sottolineano alcuni media Tolo Moya, direttore delle comunicazioni dell’ERC, come ideologo della campagna. E il Adesso giornale assicura che c’era un struttura professionale parallela per questo tipo di azioni. Se questa informazione fosse confermata, vi assicuro che è assolutamente impossibile che la direzione del partito non sapesse di questo gruppo alternativo, in fondo, perché il dipartimento delle finanze dovrebbe dare l’ok per finanziarlo e tutto ciò che passa per le finanze deve essere approvato dal più alto responsabile del partito e dalla sua direzione.

Del resto, non mi stancherò mai di ripeterlo, direttori della comunicazione abbiamo un ruolo molto più limitato di quanto spesso si dice, perché nel bene e nel male c’è sempre un responsabile politico che deve assumersi l’ok finale di tutto il lavoro. Per questo motivo l’ERC, nel processo che intende avviare domani, sbaglierà se vorrà chiudere la questione con le dimissioni e un capro espiatorio. Non è credibile che una pratica comune finanziata e organizzata non sia stata creata con il voto favorevole dei principali leader. La domanda è… quante altre campagne hanno condotto e da quanto tempo questa organizzazione è operativa?

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV MANCANTE AD ARCOS | La Guardia Civile cerca un uomo di 79 anni scomparso ad Arcos de la Frontera
NEXT Sparatoria al mercato di Barranquillita: morta una persona e