DJ si dimette dal programma di Magaly Medina e lancia un avvertimento: “Non tutti sopporteremo i suoi maltrattamenti”

DJ si dimette dal programma di Magaly Medina e lancia un avvertimento: “Non tutti sopporteremo i suoi maltrattamenti”
DJ si dimette dal programma di Magaly Medina e lancia un avvertimento: “Non tutti sopporteremo i suoi maltrattamenti”

DJ si dimette dal programma di Magaly Medina e lancia un avvertimento: “Non tutti noi sopporteremo i suoi maltrattamenti”. | Tic toc.

Sabato scorso, 6 luglio, DJ in giroche era responsabile della musicalizzazione del programma ‘Magaly TV La Firme’ha sorpreso i suoi follower annunciando le sue dimissioni dal programma televisivo diretto da Magali Medina. Attraverso un video sul suo account Instagram ufficiale, DJ Around ha rivelato che venerdì è stato il suo ultimo giorno di lavoro con il conduttore dello show, che ha accusato di maltrattare il suo staff.

Nella sua dichiarazione, il famoso tecnico del suono ha spiegato che la sua decisione di lasciare il programma è dovuta alla necessità di dare priorità alla pace e alla tranquillità. “Approfitto di questo momento per informarvi che la mia partecipazione a Canale 9 (ATV) è già terminata e prima viene la nostra tranquillità, il nostro benessere e la tranquillità”, ha affermato all’inizio del video pubblicato nelle sue storie. Profilo utente.

DJ Around non solo ha annunciato le sue dimissioni, ma ha anche denunciato gli evidenti maltrattamenti subiti durante la sua permanenza ‘Magaly TV La Firme’. “Purtroppo, Magali Medina Sarà anche un personaggio pubblico, ma se la signora non ha un minimo di rispetto per i suoi dipendenti, beh, non tutti sopporteremo il suo cattivo carattere o i suoi maltrattamenti”, ha aggiunto, chiarendo la sua insoddisfazione per l’ambiente di lavoro del programma.

Magaly TV La Firme. (Foto: acquisizione ATV)

In un altro post su Instagram, il tecnico del suono ha attaccato Magaly Medina con un messaggio ironico che metteva in dubbio la sua conoscenza musicale. “Che cosa ne saprai della cultura musicale, beh, signora, tu conosci solo i pettegolezzi”, ha detto, oltre a ringraziare il sostegno ricevuto dai suoi follower.

Queste dimissioni hanno generato diversi commenti sul programma di intrattenimento, noto per le sue polemiche e la sua attenzione alla vita delle celebrità. La partenza di DJ in giro conferma che il popolare ‘Urraca’ non va d’accordo con alcuni dei suoi lavoratori.

Finora Magaly Medina non ha commentato le accuse mosse da DJ Around. Molto probabilmente lunedì la giornalista darà qualche risposta al suo programma, visto che non è la prima volta che uno dei suoi DJ si dimette.

L’ex DJ di Magaly Medina lancia un accenno al conduttore televisivo.

Le dimissioni di DJ in giro Non è il primo che affronta Magali Medina. Qualche tempo fa, DJ Sergio Ha anche usato i suoi social network per rivelare che stava definitivamente lasciando lo spazio guidato dalla “Gazza” attraverso il segnale dell’ATV.

“Grazie di cuore a tutti coloro che mi hanno supportato, dal profondo del mio cuore. Lo spettacolo deve continuare. Il tempo mi darà ragione”, sono state le parole di Sergio Delgado sul suo account Instagram.

In un’altra occasione, DJ Vico Ha fatto una pubblicazione sul suo account Instagram, dove ha indicato di aver deciso di abbandonare il programma a causa del costante maltrattamento di Magaly Medina. Da oggi smetto di lavorare con la signora Magaly Medina. Ci vediamo al prossimo progetto. Come ha detto il mio precedente partner, la tranquillità viene prima di tutto”, ha detto.

“Il lavoro del dj è rispettato, non è una cosa qualunque, è un lavoro onesto e rispettato, come ogni tipo di lavoro. Non può essere denigrato. Sono infinitamente grato a tutti voi per il vostro sostegno. “Ci vediamo in un prossimo progetto televisivo”, ha aggiunto.

Dichiarazione del tecnico del suono di Magaly Medina. | cattura/Instagram

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’incendio devasta all’alba un contenitore per rifiuti a Segovia
NEXT Adidas si ingarbuglia prima delle Olimpiadi. OO.: ritirare una campagna dal modello filo-palestinese