Questo è ‘enVIHos’, il nuovo servizio gratuito di autotest HIV a domicilio

Questo è ‘enVIHos’, il nuovo servizio gratuito di autotest HIV a domicilio
Questo è ‘enVIHos’, il nuovo servizio gratuito di autotest HIV a domicilio

Test di autodiagnosi HIV (Mylan/Europa Press)

Il Ministero della Salute e il Coordinatore dello Stato per l’HIV e l’AIDS (Cesida) hanno lanciato il servizio gratuito enVIHos. Questo sistema offre metodi di autodiagnosi a domicilio in modo che le persone interessate possano sottoporsi facilmente al test per l’HIV. confidenziale, nel luogo e nell’orario che preferisci. L’obiettivo della campagna è facilitare l’accesso alla rilevazione del virus dell’immunodeficienza umana.

La Spagna ha diagnosticato 2.956 casi di infezione da HIV nel 2022, di cui il 10,6% corrisponde a persone di età inferiore ai 25 anni. Sebbene il numero di spagnoli infettati da questo virus sia diminuito nel tempo, c’è preoccupazione per la lentezza nel rilevamento: nel 2023, più di Il 48% delle nuove diagnosi sono arrivate tardivamente. Attualmente si stima che il 7,5% delle persone affette da HIV non sappia di avere questa infezione.

“Questa nuova iniziativa cerca rimuovere le barriere di accesso al test HIV nelle aree prive di risorse comunitarie, facilitando la diagnosi precoce e promuovendo la salute pubblica”, afferma in un comunicato il Ministero della Sanità.

Poster per la campagna ‘enVIHos’, creata da Sanidad e Cesida. David Arteafa, direttore di ‘Sin Miedo al HIV’, è il volto pubblico di questo nuovo sistema di rilevamento

Il sistema enVIHos Inizia attraverso il sito web dello stesso programma (envihos.com). In esso l’interessato è invitato a compilare a questionario anonimo, dove vengono raccolte informazioni riguardanti la motivazione allo svolgimento del test. L’indagine richiede, tra gli altri, dati quali età, sesso, orientamento sessuale o uso di droghe. Successivamente, dovrai indicare un indirizzo dove desideri ricevere il test.

Una volta conosciuti questi dati, una delle farmacie che collaborano con il servizio invierà l’autotest all’indirizzo comunicato entro un periodo compreso tra 3 e 5 giorni. Con esso arriverà una scheda informativa del Cesida, con tutte le risorse a disposizione dell’organizzazione e le spiegazioni su cosa fare in caso di risultato positivo. Questi test possono essere richiesti gratuito Un massimo di quattro volte l’anno per persona.

La nuova iniziativa mira a eliminare le barriere all’accesso al test HIV nelle aree prive di risorse comunitarie, facilitando la diagnosi precoce e promuovendo la salute pubblica. L’obiettivo finale è ridurre la percentuale della popolazione non diagnosticata dal 7,5% al ​​5%.

L’intero processo sarà coordinato dalla Divisione di controllo dell’HIV, delle IST, dell’epatite virale e della tubercolosi del Ministero della Salute, che funge da collegamento tra le aziende produttrici di prodotti per l’autodiagnosi, le società di distribuzione e le farmacie. La Salute spera che gli accordi possano essere prorogati fino alla fine del 2026, oltre ad estendere la propria collaborazione a nuove farmacie su tutto il territorio spagnolo.

Lui Autotest per l’HIV è un pacchetto di autodiagnosi progettato per rilevare la presenza di questo virus. Ne esistono di due tipi: il esame della saliva o a prova di foratura. Nella prima è necessario prelevare un campione di fluido orale, mentre nella seconda si preleva un campione di sangue attraverso una piccola puntura. Entrambi possono essere fatti a casa senza la necessità di conoscenze sanitarie preliminari.

I risultati richiedono circa 20 minuti apparire. Gli utenti devono seguire le istruzioni e le raccomandazioni specifiche incluse nel prodotto per garantire risultati accurati.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Commercio: il calo dei consumi nei supermercati e nei supermercati si è approfondito al 12,5% su base annua a giugno
NEXT Creano la prima rete di droni agricoli in America Latina – El Regional Digital