Almeno quattro feriti dopo l’attacco di Hezbollah ad una base militare nel nord di Israele

Almeno quattro feriti dopo l’attacco di Hezbollah ad una base militare nel nord di Israele
Almeno quattro feriti dopo l’attacco di Hezbollah ad una base militare nel nord di Israele

Il fumo si alza sulle alture di Golan occupate da Israele e dietro il Mar di Galilea, dopo che Hezbollah libanese ha dichiarato di aver lanciato più di 200 razzi e uno sciame di droni contro siti militari israeliani, visti dal nord di Israele il 4 luglio 2024. REUTERS/Gil Eliyahu

Un importante attacco missilistico è stato lanciato questa domenica dal gruppo terroristico Hezbollah contro il nord di Israelein particolare contro una base militare, ha ferito almeno quattro persone, tra cui una cittadina americana, e ha scatenato l’allarme in diverse comunità della regione della Bassa Galilea.

Il gruppo terroristico libanese ha confermato questo attacco in risposta alla morte, ieri sabato, di un membro di spicco dell’organizzazione, Maytham Mustafa al-Attarnell’attacco di un drone israeliano nella municipalità nord-orientale di Baalbek, una delle roccaforti delle milizie.

L’esercito israeliano ha indicato che una prima ondata di razzi comprendeva una ventina di proiettili che, secondo Hezbollah, erano diretti soprattutto verso il Base militare israeliana a Nimrauna delle principali installazioni militari nel nord di Israele.

Il servizio di emergenza israeliano, Magen David Adomha riportato inizialmente un grave ferimento da scheggia, un giovane di 28 anni che è stato curato presso il centro medico Baruch Padeh dopo l’impatto di un razzo avvenuto nella comunità di Kfar Zeitimal Nord.

Poco dopo, l’esercito israeliano ha confermato il lancio di un altro gruppo di 20-40 razzi in direzione della zona di Monte Meronsempre nel nord di Israele, la maggior parte dei quali sono stati intercettati dallo scudo difensivo antiaereo Iron Dome, senza vittime al momento da segnalare.

I razzi lanciati dal Libano verso Israele attraverso il confine vengono intercettati, nel mezzo delle ostilità transfrontaliere in corso tra Hezbollah e le forze israeliane, in Israele, vicino al confine con il Libano, il 3 luglio 2024. REUTERS/Ayal Margolin

Altre tre persone sono rimaste successivamente ferite dal impatto di un missile guidato anticarro lanciato contro una postazione militare a Zaritsecondo fonti militari e sanitarie citate da I tempi di Israele. Tra loro c’è un civile americano di 31 anni che versa in gravi condizioni e un militare. Il terzo è civile. I tre sono stati trasferiti al Galilea Medical Center di Nahariya.

Un secondo proiettile è stato lanciato contro quella stessa regione. Le forze armate israeliane hanno aperto un’indagine per chiarire il motivo per cui i due civili si trovavano all’interno delle strutture militari.

La zona è anche teatro di diversi incendi provocati da questa nuova batteria di lanci di Hezbollah, coinvolta fin dall’inizio della guerra di Gaza in una campagna di attraversamenti di artiglieria contro Israele oltre confine.

Il confine tra Israele e Libano sta vivendo il suo picco di tensione più alto dal 2006 con un intenso scontro a fuoco da ottobre, che è costato la vita a più di 500 persone, la maggior parte sul versante libanese e nelle file di Hezbollah, che ha confermato almeno 327 vittime tra miliziani e comandanti, alcuni in Siria; oltre a più di 90 civili.

In Israele sono morte 25 persone nel nord (15 soldati e 10 civili).

Le ostilità sulla divisione sono iniziate l’8 ottobre, il giorno dopo lo scoppio della guerra nella Striscia di Gaza, in solidarietà con Hezbollah con le milizie islamiste palestinesi dell’enclave; sebbene lo scontro a fuoco si sia notevolmente intensificato nelle ultime settimane, facendo temere una guerra aperta tra le parti, sebbene la comunità internazionale, soprattutto Stati Uniti e Francia, stiano cercando di raggiungere una soluzione diplomatica.

(Con informazioni di Europa Press)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Statistiche di Néstor Lorenzo come allenatore della Colombia
NEXT Vespe che addomesticano i virus: un modo curioso e interessante per la sopravvivenza delle specie