La California prende una decisione drastica sulla vendita di armi e la proibisce in diversi stati americani

La California prende una decisione drastica sulla vendita di armi e la proibisce in diversi stati americani
La California prende una decisione drastica sulla vendita di armi e la proibisce in diversi stati americani

Il governatore di California, Gavin Newsom, ha firmato negli ultimi mesi una serie di progetti di legge entrati in vigore il 1° luglio. Le nuove leggi, approvate in entrambe le Camere del congresso locale, impattano diversi ambiti e settori: uno tra questi è la vendita di armi. Come? Questo territorio è diventato il primo stato a richiedere alle società di carte di credito di creare uno specifico codice di quattro cifre per identificare i negozi che vendono armi da fuoco. Tuttavia, lo stesso giorno in cui questa legge è entrata in vigore, le leggi in Tennessee, Georgia, Iowa e Wyoming che vietano detto codice.

Per contestualizzare, i regolamenti erano collegati alle armi e alla droga. Fondamentalmente viene imposta un’imposta speciale pari all’11% del reddito lordo derivante dalla vendita al dettaglio di armi e munizioni. Per dare maggiore attrattività alla nuova iniziativa, i proventi raccolti dovranno essere depositati nel Fondo per la sicurezza scolastica e la prevenzione armata con l’obiettivo di finanziare vari programmi per la prevenzione, l’educazione e l’investigazione sulla violenza armata.

Il codice, noto come codice della categoria commerciante (Centro di coordinamento dei centri di assistenza), classifica il tipo di attività in cui è stata effettuata una transazione, facilitando aspetti come la dichiarazione dei redditi o le commissioni di transazione. Sebbene possano essere utilizzati per tenere traccia dei modelli di acquisto, i Centri clienti non specificano gli articoli acquistati.

Nel 2022, un’organizzazione internazionale per gli standard ha approvato la creazione di un MCC per i rivenditori di armi. Da allora, i legislatori statali hanno assunto posizioni contrarie, incoraggiando o vietando alle società di carte di credito di utilizzare questi codici. Colorado ha approvato una legge simile a quella California quest’anno, ottenendo il sostegno dei sostenitori della sicurezza delle armi. Nel frattempo, più di 15 stati conservatori hanno introdotto e approvato leggi che vietano i MCC.

Con particolare riguardo a Gavin Newsomfirmato AB 1587 nel settembre 2023, obbligando gli istituti finanziari ad attuare il MCC per i venditori di armi nello stato a partire dal 1° luglio 2024. Colorado e New York Hanno seguito passi simili, con una legislazione che promuove l’uso del MCC per i venditori di armi. Al contrario, afferma come Florida, Idaho e Texas ha promulgato leggi per bloccare questa crittografia, nota come “Secondo emendamento della legge sulla privacy“.

IL Associazione nazionale dei fucilieri (NRA) e il Associazione commerciale dell’industria delle armi da fuoco (NSSF) ha elogiato le leggi che vietano i MCC, sostenendo che proteggono la privacy e le informazioni finanziarie sensibili degli acquirenti di armi. Visa e MasterCard Hanno dichiarato che implementeranno il codice solo ove richiesto dalla legge.

Questo panorama legislativo riflette una nazione divisa nel suo approccio alla regolamentazione delle vendite di armi, con gli stati che adottano politiche opposte riguardo all’uso dei codici MCC per monitorare queste transazioni.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La gestione del cloud è fondamentale per digitalizzare le PMI
NEXT Pronostico Godoy Cruz – River Plate. Lega Professionistica