Questa startup vuole farti mangiare la zorza, perdere la testa ma in versione ‘vegetale’

Questa startup vuole farti mangiare la zorza, perdere la testa ma in versione ‘vegetale’
Questa startup vuole farti mangiare la zorza, perdere la testa ma in versione ‘vegetale’

La loro è una storia di cadute e rialzi, di coraggio, rischio e intuizione. Per iniziare la sua avventura itinerante di cibo vegano su ruote il giorno prima che fosse dichiarato lo stato di allarme a causa della pandemia di coronavirus in Spagna. Di non arrendersi. Di aprire un ristorante alla periferia di Vigo che diventi un punto di riferimento per vegani, flexitariani e curiosi. E da lì, in una fabbrica.

Águeda Ubeira e Manuel Vila sono i fondatori di Cibo Vanettauna startup viva dimostrazione del cibo regionale e tipico galiziano —inquadrato nella dieta atlantica— Non deve essere in contrasto con la sostenibilità o il veganismo..

Partire nell’anno del covid non li ha scoraggiati. “Abbiamo investito tutti i nostri risparmi in un food truck per eventi”, afferma Águeda Ubeira. “Lo abbiamo inaugurato la mattina del 13 marzo e nel pomeriggio ci hanno confinati”. Quell’estate hanno realizzato il loro progetto all’esterno di un centro commerciale a Vigo per rifornire i clienti delle navi da crociera che non sono mai arrivati. La sfortuna ha avuto il sopravvento su di loro.

Questo uovo vegano è nato in un ristorante di Madrid e ora sta trionfando in tutta la Spagna con un ingrediente segreto

Tuttavia, i test hanno permesso loro di verificarlo c’era una nicchia di mercato molto interessante e incipiente: All’inizio di questo decennio nella tua città non c’erano praticamente alternative vegane. Decidono di aprire la loro sede fisica a Vigo: aprono il loro ristorante il 28 dicembre e, ancora una volta, un’inversione di fortuna. Il regolamento ha chiuso l’interno dei locali un paio di giorni dopo.

Nonostante le circostanze avverse, il buon cibo ha trionfato: nei due anni di apertura, racconta il cofondatore di Vanetta Food La Vanetta è diventata un punto di riferimento per la cucina vegana. “Non siamo riusciti a trovare il prodotto o le materie prime di cui avevamo bisogno e abbiamo iniziato a produrre le nostre carni vegetali da aggiungere al menu.”

“Produciamo analoghi della carne, ma non ci piace questa espressione: vogliamo che abbiano una propria identità.” Queste carni vegetali, con un sigillo regionale nella loro preparazione, divennero le stella del locale e ha soppiantato il resto del menu. “Arriverebbe un tavolo e potremmo iniziare l’ordine quasi senza servirli.”

La prima fabbrica di carne vegetale della Galizia

Degustazione di Vanetta Foods allo startup market di Ftalks 2024, l’evento di riferimento per il settore foodtech che si tiene a Valencia.

BI Spagna

Era ora di fare il salto: Hanno presentato il loro progetto a Viagalicia, un acceleratore di imprese promosse dal Consorzio della Zona Franca di Vigo e dalla Xunta de Galicia. Non c’è stato spazio per le vertigini: una volta scelti e validati, hanno deciso di puntare tutto sul marchio e cedere il ristorante per dedicarsi interamente alla commercializzazione dei loro salumi vegetali.

La cosa positiva è che gran parte del percorso era già stato percorso. “La nostra fase di laboratorio o di ricerca era già terminata.” Hanno iniziato in un piccolo laboratorio, ma due mesi fa hanno aperto in un magazzino di Xunta nella zona industriale di Porto do Molle (Nigrán). prima fabbrica di carne a base vegetale dalla Galiziacon una proposta originale che si distingue dal resto del segmento.

Capacità di produrre fino a 200 tonnellate all’anno

Cibo Vanetta

Entro il terzo anno sperano di sfruttare tutta la capacità della loro fabbrica per mettere la loro vasta gamma di prodotti vegani fedeli alla tradizione gastronomica galiziana nei piatti delle case e dei ristoranti. Per adesso Commercializza in tutta la penisola e collabora sia con negozi specializzati, erboristerie e ristoranti.

“Siamo entrati anche in un canale che la concorrenza non ha affrontato: i negozi di frutta”. A Pontevedra, ad esempio, lavorano con Frutas Nieves, che possiede 38 negozi. Il successo è stato travolgente: hanno a Recidiva del 95%. nei negozi. Il suo scopo non è altro che promuovere una dieta sostenibile a base vegetale con un elevato apporto proteico.

La prima bistecca vegetale per democratizzare la tavola

Ma non solo, nel DNA innovativo dell’azienda c’è spazio anche per democratizzazione delle carni vegetali per il canale senior e per le persone con difficoltà di deglutizione -disfagia-. “In collaborazione con il laboratorio Sigma stiamo creando la prima bistecca vegetale adatta a persone con disfagia o carenze nutrizionali”, spiega.

In Spagna, si stima che ci siano più di due milioni di persone affette da disfagia, molte delle quali sottodiagnosticate, una cifra che aumenterà parallelamente all’invecchiamento della popolazione. “A partire da una certa età, molte persone hanno bisogno di introdurre additivi nella loro dieta.”

La tua bistecca di verdure sarà etichetta pulita e valido per qualsiasi tipologia di persona. “Puoi sederti con i tuoi nonni e mangiare tutti la stessa cosa.” Il prodotto sarà accompagnato da progetti sociali per demistificare le proteine ​​vegetali e sensibilizzare la popolazione.

Chi ha detto che innovazione e tradizione siano in contrasto? Vanetta Food è la prova vivente che possono andare di pari passo. Il “cameriere puttana” non deve sempre avere un animale sulla sua strada.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il nuovo mercato interno messicano 2024/07/09
NEXT Furto di autotreni in SLP per il mercato illegale