L’aereo uruguaiano resta a terra

L’aereo uruguaiano resta a terra
L’aereo uruguaiano resta a terra

Minima, 30 gradi. Massima, 47 gradi. Questo è Las Vegas, la città del gioco, fantastica e artificiale, costruita nel mezzo del deserto del Nevada, sulla costa occidentale degli Stati Uniti. L’aria condizionata è un elemento essenziale, ma a volte non è sufficiente. Come è successo all’aereo su cui avrebbe dovuto viaggiare la squadra uruguaiana questa domenica a mezzogiorno. Non ha funzionato correttamente e il volo non è partito.

In questo momento, Uruguay dovrebbe già essere dentro Carlottadove mercoledì si affronteranno Colombia per le semifinali del Coppa America. Ma è ancora a Las Vegas. Questa domenica a mezzogiorno, dopo pranzo, la delegazione è salita sull’autobus dall’Hotel Westin all’aeroporto. Sono arrivati ​​​​in pista, ma prima di scendere dall’autobus è stato detto loro che stavano ricontrollando l’aria condizionata. Passarono 15 minuti, 20 minuti e il problema non fu risolto. La temperatura molto elevata di Las Vegas cospirava contro un migliore funzionamento dell’aria. Almeno questa è stata la spiegazione ricevuta. Poi, l’autobus torna in hotel. E l’Uruguay, altre 24 ore a Las Vegas.

Lunedì è previsto un allenamento molto presto (nove ore in meno rispetto alla Spagna), per sfuggire al caldo estremo, perché al caldo normale nessuno può sfuggire. Potrebbero essere le 8 del mattino. Forse alle sette. È stato detto di alzarsi presto.

L’Uruguay ora prevede di recarsi a Charlotte questo lunedì a mezzogiorno. Arriverà dopo le 21:00 in questa città sulla costa orientale degli Stati Uniti, dopo aver attraversato la larghezza di questo paese. A meno di 48 ore dalla semifinale di Copa América, gli azzurri arriveranno proprio nel quartier generale della partita con i colombiani.

Con Ronald Araújo indisponibile per infortunio e Naithan Nandez per squalifica, Marcelo Bielsa dovrà ricostruire la difesa. Sebastián Cáceres è un titolare molto probabile. L’altro che potrebbe unirsi all’undici è Guillermo Varela sulla fascia destra.

Al centro e in attacco, Marcelo Bielsa ha ripetuto la formula, con Ugarte, Valverde e De la Cruz al centro della difesa, e in alto Pellistri, Darwin Nuñez e Maxi Araújo. Il sestetto potrebbe essere riproposto per la partita con i coltivatori di caffè. Ma tutto resta da vedere.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’aumento dei prezzi quest’estate nella provincia di Cadice mette al limite le tasche
NEXT I laureati FP come ponte diretto verso il territorio del lavoro