La Guardia Civile smantella un’organizzazione criminale di “cogoteros” che…

La Guardia Civil ha smantellato un’organizzazione criminale e arrestati cinque uominidi età compresa tra 19 e 47 anni, con l’accusa di aver rubato più di 122.000 euro in contanti a diverse vittime in diverse provincetra cui la Regione di Murcia.

Metodo ‘Cogoteros’

Gli arrestati avrebbero localizzato una vittima che trasportava una grande quantità di denaro e, nella maggior parte dei casi, l’avrebbero rubata dopo aver forato le gomme dei loro veicoli. In un primo momento gli investigatori si sono concentrati sull’identificazione e la localizzazione dei presunti autori del reato, che cambiavano continuamente indirizzo e veicolo a noleggio, oltre a utilizzare documentazione falsa o rubata.

Dopo aver effettuato numerosi accertamenti, gli agenti sono riusciti a dimostrare la responsabilità di cinque uomini 22 atti criminalieseguita nelle province di Almería, Murcia, Isole Baleari, Tarragona e soprattutto nella provincia di Alicante.

Gli autori del reato, in modo organizzato, hanno localizzato la vittima, osservato i suoi movimenti per selezionare il momento ideale in cui trasportava una maggiore quantità di denaro contante e, con la forza, la violenza o nella maggior parte dei casi distraendo le vittime attraverso la puntura del pneumatici dei loro veicoli, hanno rubato i loro soldi. In uno dei casi, secondo fonti attendibili, una delle vittime ha addirittura rubato 63.000 euro.

Infine, gli investigatori hanno individuato e arrestato gli autori, due dei quali a San Miguel de Salinas, uno a Orihuela Costa e altri due a San Miguel de Salinas. San Pedro del Pinatar.

Inoltre, hanno proceduto a registrazione di due case a San Pedro del Pinatar e un altro a San Miguel de Salinas. Nel corso delle perquisizioni sono stati sequestrati 1.584 euro, un drone, 12 occhiali da sole, indumenti e accessori che utilizzavano per nascondere la propria identità, una bomboletta fumogena, attrezzi speciali per rompere i vetri dei veicoli e per forare pneumatici, un binocolo, una torcia elettrica, due computer portatili del valore di 2.400 euro e un trasmettitore walkie-talkie.

I detenuti, accusati dei reati di rapina con violenza, rapina con l’uso della forza, frode, danneggiamento, falsificazione di documenti e appartenenza ad un gruppo criminale, sono stati messi a disposizione del Tribunale d’Istruzione n. 3 di Torrevieja.

Per saperne di più

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Tre quarti degli acquisti di CTV sono ora programmatici
NEXT questo è quello che ho scoperto