Boeing si dichiara colpevole di frode per aver violato l’accordo con gli Stati Uniti sugli incidenti mortali del 737 MAX

Archivio - Un aereo del modello Boeing 737 MAX.

Boeing ha accettato di dichiararsi colpevole di associazione a delinquere in relazione ai due incidenti dei suoi aerei 737 MAX che hanno ucciso 346 persone nel 2018 e nel 2019, e dovrà affrontare una multa fino a 487,2 milioni di dollari (449 milioni di euro), anche se l’importo effettivo sarà stabilito da un giudice.

Nello specifico, a maggio il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha stabilito che il produttore ha violato un accordo di procedimento giudiziario differito del 2021 legato ai due incidenti aerei mortali.

Questa decisione è arrivata dopo il distacco di un pannello dalla fusoliera di un 737 MAX 9 il 5 gennaio, pochi giorni prima della scadenza dell’accordo, secondo ‘Bloomberg’.

Pertanto, il paese nordamericano ha successivamente concluso che la società non aveva rispettato il requisito di tale accordo di attuare un programma di conformità efficace con l’obiettivo di prevenire e individuare violazioni delle leggi antifrode statunitensi.

Di conseguenza, il governo degli Stati Uniti e Boeing stanno ancora finalizzando il patto e sperano di presentare l’accordo definitivo prima del 19 luglio.

Oltre alla multa, il produttore installerà un monitor aziendale e dovrà spendere almeno 455 milioni di dollari (420 milioni di euro) per rafforzare i suoi programmi di conformità e sicurezza nei prossimi tre anni come parte dell’accordo, che richiede l’approvazione del tribunale. Sarà inoltre sottoposta ad un periodo di prova sotto controllo giudiziario.

L’AD SI ASSUME LE PROPRIE RESPONSABILITÀ
Nella testimonianza presentata lo scorso giugno davanti alla sottocommissione permanente d’inchiesta del Senato degli Stati Uniti, l’amministratore delegato della Boeing, Dave Calhoun, si è scusato personalmente con le famiglie delle vittime dei voli della Lion Air e dell’Ethiopian Airlines, dove sono morte più di 300 persone.

“Voglio scusarmi personalmente, a nome di tutti alla Boeing. Siamo profondamente dispiaciuti per le vostre perdite. Niente è più importante della sicurezza delle persone che salgono a bordo dei nostri aerei”, ha detto Calhoun.

Inoltre, l’amministratore delegato si è assunto la responsabilità a seguito del recente incidente del 5 gennaio in cui un pannello si è staccato da un Boeing 737 MAX dell’Alaska Airlines, pur ribadendo le sue scuse e ringraziando che non ci siano state vittime.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV 250 RISULTATI COMPLESSIVI DI QUALIFICA // 2024 RED BUD NATIONAL (AGGIORNATO)
NEXT La prima cronometro del Tour de France suscita emozioni con la Red Bull e Primoz Roglic: “Sembra che stia rimettendosi in forma”