La Cina colpirà un meteorite per testare il suo sistema di difesa planetaria

La Cina invierà una missione di difesa planetaria nel 2025 per deviare un asteroide dal suo percorso verso la Terra.

Mariela de Diego 08/07/2024 10:26 4 minuti

La Cina avanza nel suo progetto di difesa planetaria. Lo ha annunciato la China National Space Administration (CNSA). invierà una missione nello spazio con l’obiettivo di colpire e deviare un asteroide che passerà vicino alla Terra l’anno prossimo.

L’obiettivo sarà l’asteroide 2019 VL5, una roccia spaziale di circa 30 metri di diametro, che orbita attorno al Sole a 6,4 chilometri al secondo e passa ogni anno a 3 milioni di chilometri dalla Terra. L’asteroide non rappresenta alcuna minaccia per il nostro pianeta.

La CNSA invierà una navicella spaziale divisa in due parti fondamentali: un osservatore e un impattatore. Entrambi verranno lanciati insieme su un razzo Long March 3B, ma seguiranno traiettorie diverse.

Il dispositivo di osservazione sarà dedicato alla registrazione della topografia e alla raccolta di dati e il dispositivo di simulazione entrerà in collisione direttamente con l’asteroide.

Lo ha spiegato Wu Weiren, capo progettista del programma cinese di esplorazione lunare L’obiettivo è deviare la traiettoria dell’asteroide da 3 a 5 centimetri attraverso l’impatto iniziale. Sebbene possa sembrare minima, questa deviazione avrà un impatto significativo a lungo termine, alterando la traiettoria fino a 1.000 chilometri in soli tre mesi.

La difesa planetaria è un nuovo capitolo nell’era dell’esplorazione spaziale.

Dopo l’impatto, l’osservatore tornerà per fare osservazioni dettagliate e monitorare i cambiamenti nell’orbita dell’asteroide.

I dettagli del piano erano noti nel documento “Progettazione scientifica dell’obiettivo della missione di test di difesa degli asteroidi e configurazione del carico utile”, presentato al Ottava Conferenza sulla Difesa Planetaria a Vienna, Austria.

Il futuro della difesa planetaria

Al momento, l’unico modo praticabile per difendere la Terra da un asteroide in rotta di collisione è deviarne la traiettoria di qualche grado, finché non si trova a distanza di sicurezza. Il metodo, che sembra semplice, richiede meticolosi calcoli matematici e una tecnologia super avanzata.

Il programma spaziale cinese ha delineato un approccio che include il rilevamento degli asteroidi e sistemi di allarme rapido, per proteggere la Terra da impatti potenzialmente catastrofici. Inoltre, prevede di sfruttare sia i telescopi terrestri che quelli spaziali per monitorare continuamente l’asteroide e valutare eventuali cambiamenti nel suo corso.

L’agenzia cinese segue le orme della riuscita missione DART (Test di reindirizzamento del doppio asteroide) della NASA. Nel 2022, l’agenzia statunitense ha inviato una navicella spaziale verso il sistema di asteroidi binari Dymorphos, con l’obiettivo di deviarne la traiettoria.

Questo reindirizzamento, anche se apparentemente piccolo, è riuscito a deviare la traiettoria da 11 ore e 55 minuti a 11 ore e 23 minutie ha dimostrato la fattibilità della difesa planetaria attraverso impatti cinetici controllati dalla Terra.

Questa nuova missione di difesa planetaria si consolida La Cina come attore centrale nell’esplorazione spaziale e nella difesa planetariaun’azienda storicamente guidata da potenze spaziali come gli Stati Uniti.

Sebbene esista una sana concorrenza nel campo spaziale, esiste anche Vedono opportunità di cooperazione internazionalelsoprattutto nel mitigare le minacce che colpiscono tutta l’umanità.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il Bottled Gas Program si sposta nelle località questo sabato: scopri il programma
NEXT Alcuni hanno già debuttato tra i professionisti: i nomi da tenere a mente delle serie Proyección e Sub 18