La forma del nostro sistema solare è cambiata radicalmente e questo è qualcosa di tanto sorprendente quanto importante per l’astronomia.

I cambiamenti ci permettono di capire come si è formato il sistema solare in cui abitiamo

Si tratta di un enorme passo avanti nella nostra conoscenza su questi temi.

Unisciti alla conversazione

Da quando gli esseri umani hanno iniziato a esplorare le stelle, millenni fa, la conoscenza delle stelle che ci circondano è aumentata e migliorata in modo sempre più notevole e interessante, come nel caso dello sfuggente nono pianeta del nostro sistema solare. Ora, uno studio sembra averlo dimostrato La forma del nostro sistema solare è cambiata radicalmente e in modo molto interessante con il passare dei millenni in cui i cambiamenti si misurano a livello astrale.

Conoscere l’origine del nostro sistema solare

Uno studio pubblicato all’inizio di aprile di quest’anno sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences ha fornito nuovi e importanti dettagli sulla la formazione e la prima evoluzione del nostro Sistema Solare. Il gruppo di ricerca, guidato da Bidong Zhang, Nancy Chabot e Alan E. Rubin dell’Università della California, Los Angeles, si è concentrato sull’analisi di meteoriti ferrosi magmatici, considerati resti del nuclei metallici dei primi asteroidi che si sono formati nel nostro sistema planetario.

L’importanza di questi meteoriti di ferro è molto preziosa, da allora mostrano i processi di formazione dei pianeti in quello che avrebbe potuto essere la nebulosa solare in un periodo molto primitivo. Lo studio combina un’analisi composita molto dettagliata con una modellazione numerica avanzata ricostruire il comportamento degli elementile composizioni globali ed i processi di cristallizzazione del nuclei di asteroidi.

Di conseguenza, sono giunti a una delle conclusioni più importanti dello studio. Il processo di cristallizzazione e la morfologia dei meteoriti ferrosi è direttamente e in modo molto importante correlato ai luoghi in cui si è formato nel disco protoplanetario. Cioè il suo luogo di creazione nella forma che ha avuto il nostro sistema solare durante la sua genesi e quella dei pianeti. Le parti esterne ed interne del sistema solare cambiarono enormemente durante questo periodo.

I nuclei nel Sistema Solare esterno tendono ad avere dimensioni più piccole, una maggiore abbondanza di elementi siderofili (quelli che tendono ad associarsi al ferro) e processi di cristallizzazione più semplici rispetto alle loro controparti nel Sistema Solare interno. Queste differenze forniscono indizi che sono assolutamente fondamentali per le diverse condizioni che esistevano in diverse regioni del primo disco protoplanetario.

Inoltre, sono state scoperte inclusioni ricche di calcio e alluminio (CAI). Queste inclusioni sono considerate i primi solidi che si sono condensati nel Sistema Solare. Utilizzando i dati sugli elementi siderofili presenti nei meteoriti di ferro, i ricercatori sono stati in grado di ricostruire la distribuzione dei CAI nel disco protoplanetario durante il primo milione di anni di storia del Sistema Solare.

Sorprendentemente, hanno scoperto che, sebbene le CAI si formassero vicino al Sole, finivano per concentrarsi nel disco esterno mentre si esaurivano nel disco interno. Questo modello di distribuzione fornisce nuovi vincoli per i modelli di evoluzione del disco protoplanetario e ne mette alla prova alcuni Precedenti ipotesi su come i materiali si spostavano e si distribuivano agli albori del Sistema Solare.

Lo studio suggerisce inoltre che l’eterogeneità chimica e dinamica del disco protoplanetario sia stata stabilita molto presto nella storia del Sistema Solare, molto prima di quanto si pensasse in precedenza. Questa conclusione ha implicazioni significative per la nostra comprensione di come si sono formati i pianeti e gli altri corpi celesti.

In questo modo possiamo vedere come il sistema solare In cui viviamo ha avuto alcuni cambiamenti drammatici durante tutta la sua storia geologica. Qualcosa di profondamente interessante che ha permesso agli esperti di cambiare il loro punto di vista sul vasto sistema solare che ci circonda. Ogni giorno impariamo qualcosa in più sui pianeti che ci circondano, dalla luna di Giove ai pianeti da cui piovono diamanti.

Puoi seguire Andro4tutti su Facebook, WhatsApp, Cinguettio (X) oppure controlla il nostro canale Telegram per rimanere aggiornato sulle ultime novità tecnologiche.

Unisciti alla conversazione

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Arévalo ha sostenuto le azioni di Semilla contro la sospensione in Guatemala
NEXT Il Consiglio Deliberativo degli Studenti ha avuto la sua prima sessione dell’anno