Il FMI mantiene la proiezione del PIL peruviano per quest’anno al 2,5% | Economia

Il tasso del 3% stimato dal MEF non basta a ridurre la povertà. Foto: Andina | Il tasso del 3% stimato dal MEF non basta a ridurre la povertà. Foto: Andina | Il tasso del 3% stimato dal MEF non basta a ridurre la povertà. Foto: Andina

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha mantenuto la sua proiezione di crescita dell’economia peruviana al 2,5% per il 2024. Vale la pena notare che all’inizio dell’anno stimavano un tasso del 2,7%.

Quindi, dopo la recessione, Il PIL locale supererà ancora una volta la media regionale: il FMI prevede che il Sud America cresca dell’1,4% e l’America Latina e Caraibi del 2,0%. Il Perù varierebbe del 2,7% nel 2025.

La stima del FMI è lontana dal 3,1% previsto dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e dalla Banca Centrale della Riserva del Perù, che affermano addirittura che il tasso ha una tendenza al rialzo. La Banca Mondiale, dal canto suo, punta al 2,7% e Citi Research al 2,4%.

L’unico Paese sudamericano che chiuderà il 2024 in territorio negativo è l’Argentina (-2,8%) e l’anno prossimo rimbalzerebbe al 5,0%; mentre quelli che andranno a un ritmo migliore saranno Venezuela e Uruguay (rispettivamente 4,0% e 3,7%).

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il TRAM d’Alacant tematizza un tram per celebrare il 200° anniversario della Polizia Nazionale
NEXT Un artista! Milan, figlio di Chacal e Leidy, sorprende cantando in stile Mariachi