Secondo un rapporto, più di mille pagine web create a giugno e associate ad Amazon sono false

Madrid, 8 luglio (EFECOM).- Oltre 1.000 nuovi domini creati sul web lo scorso giugno, associati al portale di e-commerce Amazon, sono stati classificati come fraudolenti o sospettati di essere fraudolenti, come indicato dalla società di sicurezza informatica Check Point questo Lunedi.

Nello specifico, nel mese di giugno sono emersi su Internet più di 1.230 nuovi domini relativi ad Amazon, di cui l’85% sono stati identificati come pagine dannose o sospette, ovvero circa 1.045, secondo i dati forniti dalla divisione di intelligence di Check Minacce puntuali in una nota inviata oggi.

Questa informazione è nota nell’ambito dell”Amazon Prime Day’, una giornata di offerte per gli acquirenti che utilizzeranno il portale commerciale tra il 16 e il 17 luglio, nella quale lo scorso anno sono stati venduti più di 375 milioni di articoli in tutto il mondo, con risparmi di oltre 2,5 miliardi di dollari per i suoi clienti, secondo i dati della società di sicurezza informatica.

Check Point ha dato una serie di raccomandazioni a chi parteciperà alla giornata di offerte promossa da Amazon, tra cui, di controllare i link presenti sul sito, che siano affidabili, senza variazioni di dominio o errori di ortografia.

L’azienda tecnologica ha inoltre raccomandato di impostare password complesse, limitare le informazioni personali, di diffidare delle e-mail fuorvianti, di essere scettici nei confronti di offerte non realistiche, di verificare la presenza di un’icona a forma di lucchetto sul collegamento (che indica una connessione sicura) ed effettuare pagamenti con carte di credito (che forniscono maggiore tutela).

Check Point è un fornitore di servizi di sicurezza informatica basati sul cloud, basati sull’intelligenza artificiale, e protegge più di 100.000 aziende in tutto il mondo. EFECOM

cll/ala/prb

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’organizzazione riceve le domande per il programma DALE – Telemundo Fresno
NEXT Piattaforma israeliana che tiene traccia dei piani di fake news per quotarsi sul Nasdaq