In una serie di raid catturano tre sospettati di una violenta aggressione a un ranch

Gli investigatori sono riusciti a catturare tre criminali accusati di aver aggredito e ferito gravemente il gestore di un ranch.

Nell’ambito delle indagini su una violenta aggressione a un ranch in cui è rimasto gravemente ferito il gestore, nel distretto di San Cristóbal, nel fine settimana le autorità hanno effettuato una serie di perquisizioni. Nel corso delle operazioni sono riusciti a catturare tre indagati che avevano in loro possesso prove relative alla rapina.

Il pubblico ministero Alberto Torres, insieme agli agenti della Crime Investigation, ha effettuato diversi raid nel comune dove è avvenuto l’episodio di violenza. Nella prima perquisizione domestica è stato arrestato Diego Ulises Roa Peña (28 anni), al quale è stato sequestrato un apparecchio cellulare.

Il secondo e il terzo intervento sono stati eseguiti nel quartiere Leopoldo Perrier, dove gli investigatori hanno rinvenuto una felpa grigia con strisce nere e una sciarpa di lana multicolore, entrambe con tracce di sangue. I vestiti erano dentro un tatakua. Hanno trovato anche un coltello a forma di pugnale di 30 centimetri e un’auto Toyota Allion nera, targata AA0X 940, che sarebbe il veicolo utilizzato dai presunti autori dell’aggressione.

Gli investigatori hanno catturato anche José del Pilar López Masen (52) e Saturnino Martínez García (58), in possesso dei quali hanno sequestrato 3.420.000 Gs e tre dispositivi cellulari.

In una delle case perquisite, gli agenti in uniforme hanno rinvenuto indumenti con tracce di sangue.

ASSALTO VIOLENTO

La violenta rapina è avvenuta mercoledì scorso nel ranch “Marangatu”, nel quartiere Zapiré del quartiere di San Miguel, distretto di San Cristóbal. Tre criminali pesantemente armati sono arrivati ​​sul posto fingendosi acquirenti di bestiame e hanno consegnato il direttore Serafín Yegros Ramírez (65 anni), che hanno picchiato selvaggiamente e ferito in varie parti del corpo per sequestrare armi da fuoco, oggetti di valore e la somma di G .30. milioni. I banditi sono arrivati ​​a bordo di una Volkswagen Golf color argento, che hanno poi abbandonato a 8 chilometri dallo stabilimento.

Il guardiano, Zoilo Benítez, ha detto alla polizia che i criminali erano arrivati ​​e ha detto che sarebbero venuti con il caposquadra per comprare degli animali, quindi li ha lasciati passare senza problemi. Dopo la rapina sono usciti nuovamente dal cancello.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il piano della Nazionale per festeggiare gli Europei a Madrid
NEXT Il Messico estrada negli Stati Uniti “El R”, nipote di Caro Quintero, per traffico di droga