Scandalo in Italia: il crudele VIDEO di un giovane che lancia un gatto da un ponte indigna la popolazione

Nella clip si vede il giovane che lancia l’animale da un ponte. (EFE)

Lui video di uno giovane che lancia ad un piccolo gatto di pelliccia nera su un ponte situato a Lanusei, in Sardegna, in Italia, è diventata rapidamente virale, scatenando allarmi e provocando indignazione tra gli utenti di Internet.

Nelle immagini potete vedere come una giovane donna consegna il felino a un’altra persona che, senza un secondo di esitazione, lancia con forza l’animale e poi ride ad alta voce.

Un caso del genere crudeltà sugli animali è arrivato Michela Vittoria Brambillapresidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente (LEIDAA), che ha condannato i fatti definendoli “qualcosa di vergognoso”.

Un giovane ha suscitato indignazione in un paese della Sardegna pubblicando un video in cui lanciava un felino dall’alto di un ponte. (Schermata/EFE)

Brambilla ha dichiarato in un comunicato diffuso il 6 luglio che, “come madre, attivista e presidente della Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza”, non può immaginare che un bambino piccolo si lascerebbe filmare “mentre lancia con orgoglio un gattino da un ponte”. ”.

Si è detta sorpresa nel vedere che questo atto di abuso rappresentasse una forma di intrattenimento per il giovane e due suoi amici e ha assicurato di aver sporto denuncia alle autorità competenti per garantire che possa essere avviato “un procedimento penale ordinario” appena possibile.” “.

Allo stesso modo, ha invitato a intensificare le azioni educative e ad approvare, al più presto, due progetti di legge che ha presentato alla “Camera” che consistono nell’inserire gli esseri senzienti nello “status di famiglia” garantendo così loro “un adeguato riconoscimento sociale”. “

La seconda iniziativa presentata da Brambilla consiste nell'”inasprimento delle pene” per chi maltratta gli animali. “Solo in questo modo possiamo porre una barriera giuridica a questi atti di violenza terribile e ingiustificata”, ha affermato l’attivista.

Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa EFEl’indignazione sui social è arrivata a tal punto che è già stata avviata una petizione online per applicare “il minimo delle pene previste per gli abusi sugli animali”, che consiste nella reclusione da 3 a 18 mesi o nella multa tra 5.000 e 30.000 euro (approssimativamente tra 5.400 e 32.400 dollari USA al cambio attuale).

Lo ha detto, come riportato, Cosetta Prontu, presidente del rifugio per animali del comune di Olbia in Sardegna EFEche questi giovani “sono figli di una cultura retrograda”.

“Secondo il quale la vita di un animale vale meno di niente, che scaricano la propria insoddisfazione sui più deboli, probabilmente alla ricerca di gratificazioni che non riescono a trovare in una professione o in un percorso di studi”, ha aggiunto Prontu.

Inoltre, non ha escluso l’idea che stessero semplicemente facendo l’intera azione “per avere successo sui social media”.

Matteo Salvini, vicepresidente del governo italiano, ha chiesto sanzioni più severe per gli abusi sugli animali.

Il caso non solo ha suscitato le ire degli internauti di tutto il mondo, ma è arrivato anche alle orecchie di Matteo Salvini, vicepresidente del governo italiano che, secondo EFEsi è pronunciato sui suoi social network per condannare il crudele atto di abuso sugli animali.

Ha sottolineato che i giovani sono criminali, quindi dovrebbero essere trattati come criminali e, in tono sarcastico, si è congratulato con i genitori per averli allevati in quel modo, così come ha fatto la persona che ride mentre registrava i fatti. Allo stesso modo, ha chiesto “un’urgente accelerazione delle sanzioni per coloro che maltrattano e addirittura uccidono i nostri compagni animali, come previsto dal disegno di legge della Lega, ora in commissione”.

Gli utenti di Internet hanno subito commentato la pubblicazione del presidente e hanno chiesto che tutto il peso della legge ricada sugli individui che, dopo questo atto, “sono capaci di tutto”.

Con informazioni da EFE

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Ufficiale: Nicolás Gaitán è il nuovo rinforzo di Sarmiento
NEXT Sandra Hemme, la donna innocente detenuta nel carcere del Missouri che ha trascorso 43 anni rinchiusa per il crimine di Patricia Jeschke, che non ha commesso | Univision Notizie Stati Uniti