L’Assemblea Nazionale ha approvato con 132 voti il ​​disegno di legge per l’applicazione della consultazione popolare – Diario La Hora

Nei termini legali, l’Assemblea Nazionale ha approvato il disegno di legge per l’applicazione delle domande della consultazione popolare del 21 aprile 2024. Il Presidente della Repubblica, Daniel Noboa, ha presentato i progetti il ​​13 maggio 2024. I 60 giorni per il Parlamento a norma è scaduta il 12 luglio 2024. Il progetto approvato prevede 24 articoli, 2 disposizioni transitorie e una abrogativa.

Con 132 voti (di PSC, Rivoluzione Cittadina, ADN, Construye, Pachakutik e diversi indipendenti), la sessione plenaria del Assemblea nazionale ha approvato oggi, 8 luglio 2024, nel secondo e ultimo dibattito, il disegno di legge per l’applicazione dei quesiti della consultazione popolare approvati il ​​21 aprile 2024.

Il progetto che sarà sottoposto nelle prossime ore all’Esecutivo per sanzione (approvazione) o veto, aumenta le pene in tredici reati e semplifica la confisca della proprietà nei reati contro la pubblica amministrazione.

Le pene per i reati gravicrescerà. Lo ha deciso la sessione plenaria dopo aver ricevuto una relazione della Commissione speciale che ha elaborato le riforme approvate nella consultazione popolare del 21 aprile.

Nel caso del terrorismo si va dai 10 anni di carcere ai 26 anni. Il traffico di droga, che durava fino a 13 anni, sale a 26 anni. Il rapimento, dai 22 ai 26 anni. Il sicario, che ha una pena massima di 26 anni, con la riforma si arriverà fino a 30 anni.

La pena con l’aumento maggiore è quella dell’estrazione illegale, che va dai 7 ai 20 anni di reclusione; tra gli altri crimini gravi inclusi nel progetto.

«L’estrazione illegale, considerata come è ora nel COIP, è stata praticata in modo diverso da quello che avviene ora in Ecuador. Oggi l’estrazione illegale serve a sostenere e mantenere le strutture criminali. “Non è una cosa da poco”, ha detto Lucía Posso, che ha ricoperto il ruolo di vicepresidente della commissione speciale sulle riforme approvate nella consultazione popolare.

Il rapporto sulla confisca del dominio conserva la proposta presidenziale. Si dichiara che non sarà necessaria una sentenza penale per avviare il processo che consente il passaggio allo Stato di beni di provenienza illecita. Sebbene determini i crimini in cui può procedere, come traffico di droga, terrorismo, tratta di esseri umani, rapimenti, sicari; e crimini di corruzione, tra gli altri. (SC)

NOTA CORRELATA

Consultazione popolare: l’Assemblea sta ancora esaminando le proposte di Daniel Noboa – Diario La Hora

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Prendimi se puoi – Programma 315 | Prendimi se ci riesci
NEXT Un operaio muore dopo essere stato schiacciato da una piattaforma elevatrice in un cantiere edile a Ciudad Real