Zoe Beteta: L’architetto dietro il progetto più audace di CASACOR Perù 2024

È possibile vivere su 9,5 m²? Zoe Beteta Studio ha rivoluzionato Casacor 2024 dimostrando che vivere in spazi piccoli può essere comodo e dignitoso. Il suo progetto innovativo non solo ha catturato l’attenzione del pubblico sui social network, ma è stato anche premiato con i premi “Best use of space” e “Most daring project” in questa edizione della più importante mostra di architettura d’America.

Lo studio di architettura, design e interior design di Zoe Betetta, ha catturato l’attenzione del pubblico a CASACOR 2024 con il suo progetto di 9,5 m², risultando uno degli spazi più visitati grazie a all’impatto che ha generato sui social network. Il suo design innovativo, premiato con i premi “Miglior utilizzo dello spazio” e “Progetto più audace”. In questa edizione della fiera di architettura più importante d’America, si è dimostrato che è possibile vivere con comfort e stile in uno spazio ridotto, fondendo personalizzazione, dettaglio e funzionalità.

Lo spazio di 9,5 mq ha catturato l’attenzione sulle piattaforme digitali per la sua capacità di offrire stile, organizzazione e comfort in uno spazio ridotto. Ispirato dall’efficienza delle abitazioni ad alta densità in paesi come il Giappone e la Cina, il design integra cucina, soggiorno, sala da pranzo e bagno in modo coeso. Spiccano elementi come un armadio, una sala da pranzo allungabile, una lavanderia multifunzionale e un soppalco con letto e libreria, tutti ottimizzati per lo spazio verticale. Le pareti dai toni caldi e tocchi di verde con piante, completano un ambiente accogliente e funzionale, riaffermandolo la fattibilità di vivere comodamente in un microhabitat ben progettato.

Oltre al suo design ingegnoso, il microhabitat è completamente automatizzato, offrendo un’esperienza di vita moderna ed efficiente. Dall’illuminazione al climatizzatore e ai sistemi di intrattenimento, tutto viene controllato automaticamente in base alle esigenze dell’occupante.

Chi è ZOE BETETA?

L’architetto specializzato nella progettazione di mobili con oltre 17 anni di esperienza e fondatore del suo omonimo studio di architettura, Zoe Beteta Studio, era incaricato di portare a termine questa sfida. “Siamo stati gli ultimi ad assicurarci il nostro spazio a CASACOR, quindi le opzioni disponibili erano limitate. “Abbiamo deciso di accettare la sfida di progettare e allestire un appartamento in una superficie di soli 9,5 m²”, racconta l’architetto.

Con questo progetto, lo Studio non solo sfida i limiti dei piccoli spazi con il suo design innovativo, ma promuove anche un messaggio potente: “È possibile vivere con qualità e stile in piccoli spazi, senza compromettere il comfort o l’estetica”, afferma l’architetto. Il suo approccio multidisciplinare e il senso di funzionalità hanno spinto il suo progetto verso la viralità, ispirando non solo a livello estetico, ma anche proponendo soluzioni innovative a problemi abitativi su larga scala. Dal miglioramento della qualità della vita negli alloggi sociali alla fornitura di opzioni dignitose per le aree urbane densamente popolate, Zoe Beteta dimostra che il design può trasformare positivamente l’ambiente umano.

“L’impatto che vogliamo è dimostrare che si può vivere bene in spazi piccoli e che questo può essere adattato a progetti sociali. In Perù molte persone vivono in condizioni disumane e sarebbe meraviglioso se questo tipo di progetti diventassero realizzabili per migliorare la loro qualità di vita. Questo progetto non ha solo rilevanza a livello individuale, ma presenta anche una visione innovativa per affrontare i problemi abitativi su scala più ampia”, afferma l’architetto.

Oltre al microhabitat, Zoe Beteta Studio presenta a CASACOR 2024 “Selva Viva”, uno spazio che celebra l’Amazzonia in un ambiente contemporaneo, evidenziando la versatilità e l’adattabilità dello studio. Questo progetto è stato premiato anche dalla mostra, riaffermando l’impegno dello studio verso l’innovazione e l’eccellenza nel design.

“Per me era fondamentale non incasellare lo studio esclusivamente nei microhabitat, ma dimostrare la versatilità e l’adattabilità del nostro team nell’affrontare sfide diverse. “Vogliamo che i nostri progetti riflettano non solo la nostra capacità tecnica, ma anche la nostra passione per la creazione di spazi che si connettano profondamente con l’identità e l’ambiente dei nostri clienti”, dichiara l’architetto.

Arte e scienza. Estetica e funzionalità

Al di là dei suoi due spazi a Casacor, Zoe Beteta Studio si basa sul concetto di “Il Lusso di Vivere”, dove il lusso sta nel design e nella funzionalità ottimale. Ogni spazio riflette questo impegno verso la perfezione in ogni dettaglio, indipendentemente dalle dimensioni del progetto.

Lo studio si caratterizza per l’innovazione e la costante ricerca di soluzioni creative e funzionali, ottimizzando ogni centimetro quadrato per creare spazi visivamente attraenti, pratici e accoglienti. L’integrazione di Zoe Beteta tra tecnologia avanzata e design su misura garantisce che ogni progetto sia unico e altamente funzionale, adattandosi alle esigenze e ai desideri dei suoi clienti.

Con progetti che spaziano dalle case unifamiliari agli spazi commerciali, Zoe Beteta e il suo team multidisciplinare dimostrano una passione per i dettagli e un approccio globale che ha reso lo studio un leader nel design d’interni in Perù.

“Per me è importante che ciascuno dei miei progetti sia focalizzato sui bisogni dei suoi abitanti. Al di là del mio stile di architetto, la cosa fondamentale è che soddisfino le esigenze di chi abiterà gli spazi. Il nostro approccio spazia dall’architettura pura all’interior design, allo styling e allo sviluppo immobiliare strategico, unendo arte e scienza in ogni progetto”.conclude Zoe Beteta.

Questo approccio globale ha reso Zoe Beteta e il suo studio diventano riferimenti nell’interior design in Perù, dimostrando che è possibile vivere con stile e comfort, anche in piccoli spazi. La viralità del suo progetto a Casacor 2024 conferma la rilevanza e l’impatto delle sue soluzioni progettuali innovative.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sette giovani universitari annegano nello stato messicano di Veracruz
NEXT Il Covid-19 danneggia a lungo termine il sistema immunitario – DW – 15.07.2024